Jungle Judgin (remix compilation di “Jungle Judge”
apr
25
2017

Holypalms

Jungle Judgin (remix compilation di “Jungle Judge”

ArteTetra

Elettronica
array(0) { }
  • Cairo Liberation Front - Picking th...
  • Satanicpornocultshop - To overcome ...
  • Nodef - Stoned in the jungle stolen...
  • Gulls - Jungle judge riddim remix
  • HDADD - Red altar remix
  • Al Lover - New monkey forest II rem...
  • Piezo - Picking the right leaves re...
  • Takabe - Skeleton team is leading r...
  • Tonto - Old monkey forest I refix
  • Kink Gong - Surbahared Valse remix
  •  
  •  
Precedente
Rosecrans DJ Quik - Rosecrans
Successivo
Young Overcoats - Young

Info

Alfieri di una psichedelia ipnotica, al confine tra world-music ed avant-garde, i marchigiani Babau (attivi sin dal 2013) hanno ben presto allargato la propria sfera d’influenza, fondando l’etichetta Artetetra che, in pochi anni di attività, può già vantare quasi una quindicina di uscite, di cui l’ultima in collaborazione con un altro punto di riferimento per i suoi più occulti e stranianti, la trevigiana Boring Machines. È quindi con grande piacere e gratitudine che andiamo a parlare di un nuovo album che sta per essere edito dai ragazzi di Artetetra: nel 2016 la label marchigiana ha infatti pubblicato un album stupefacente, un dopatissimo viaggio intorno al pianeta Terra, dalle sterminate steppe mongole a polverose sale da ballo mediorientali, dai club underground di qualche periferia dell’impero alle strade coloratissime dei quartieri multietnici di Londra o Berlino; quel disco era Jungle Judge, opera di Holypalms, all’anagrafe Pavel Eremeev, producer e multi-strumentista originario di Mosca ma cittadino del mondo, noto anche per i trascorsi nei math- rockers uSSy.

Jungle Judge ha raccolto plagi di critica pressoché ovunque e attirato le attenzioni di una serie di musicisti e produttori elettronici da tutta Europa: quale occasione migliore per sperimentare ulteriormente, per coinvolgere altri artisti a rileggere, a remixare i nove brani contenuti nell’album. L’incredibile mix di melodie orientali, desert-rock e idm visionaria trova così nel nuovo Jungle Judgin la possibilità di ibridarsi con ancor maggior veemenza e libertà: le dieci riletture spaziano dall’ambient tenebrosa e stratificata dell’italiano HDADD all’electro mediterranea degli olandesi Cairo Liberation Front, dal dub infernale di Nodef al broken-beat robotico dei giapponesi Satanicpornocultshop, dal gusto balearico dell’americano Gulls (Jesse Munro Johnson, boss della label Boomarm Nation) alla techno dinamica del bolognese Takabe.

Il moscovita Holypalms, accompagnato proprio dai due Babau, sarà in Italia dal 25 aprile per un tour che toccherà Bologna, Torino, Cittadella, Milano, Lugano e Verona: nell’attesa di apprezzare live la sua inesauribile voglia di ibridare e contaminare, SA è orgogliosa di presentare in anteprima assoluta la compilation di remix Jungle Judgin.

di Nicolò Arpinati

Widget

Altre notizie suggerite