For Crying Out Loud
mag
05
2017

Kasabian

For Crying Out Loud

Sony Music Entertainment

Rock
array(0) { }
  • ll Ray (The King)
  • You’re In Love With A Psycho
  • TwentyFourSeven
  • Good Fight
  • Wasted
  • ome Back Kid
  • The Party Never Ends
  • Are You Looking For Action
  • All Through The Night
  • Sixteen Blocks
  • Bless This Acid House
  • Put Your Life On It
Precedente
Exile In The Outer Ring EMA - Exile In The Outer Ring
Successivo
Club Coil EP Murlo - Club Coil EP

Info

In uscita il 5 maggio 2017 via Sony Music, For Crying Out Loud è il sesto album dei Kasabian. Il disco, che segue a oltre due anni di distanza 48:13, è stato scritto e prodotto dal deus ex machina Sergio “Serge” Pizzorno (cantante e chitarrista del gruppo) e registrato nel suo studio Sergery a Leicester. La nuova prova, contrariamente alla precedente che aveva tratti filo-elettronici, prende un’opposta direzione, tornando ad un sound eminentemente chitarristico e riprendendo i classici del rock, come raccontano Tom Meighan e Pizzorno in sede di conferenza stampa: «Le influenze vengono dalla musica degli anni ‘70, dal classic rock, dal post-punk e dalla musica disco: i T-Rex, gli Stooges, la musica psichedelica. Ma volevamo reinterpetare quel periodo d’oro alla nostra maniera. […] Volevamo portare gioia alle persone con canzoni essenziali di guitar music, che rischia di estinguersi in quanto musica vecchia. E noi cerchiamo di salvarla».

E così Pizzorno ha deciso di darsi «sei settimane di tempo per scrivere un album come si usava fare in passato, una cosa veramente ispirata e che avesse il peso di un classico», perché per loro «un disco è un’opera d’arte, bisogna prenderlo nel suo insieme. La musica moderna di oggi viene scritta con tantissimi autori, e sono canzoni pensate, ragionate. Per noi quelle canzoni non hanno più cuore né anima. Per questo For Crying Out Loud è un disco così potente, perché ci abbiamo messo il cuore». L’obiettivo della band, spiega Serge, era di fare un album «allegro, pieno di speranza e positività», in opposizione al periodo storico che stiamo vivendo, e che fosse un disco da cantare a squarciagola, pop, immediato: «ho sentito Berry Gordy (famoso produttore e autore, fondatore della Motown, ndSA) dire che se un pezzo non ti arriva nelle prime 4 battute, allora non arriva affatto, così mi sono messo al lavoro con questa attitudine old-school stampata bene in fronte». Il titolo dell’album segue la stessa filosofia: “for crying out loud” è un modo di dire antiquato, una sorta di imprecazione desueta (come “accidenti” o “Santo Cielo” per noi italiani), ma ai membri della band sembrava perfetto perché «“cry” significa piangere ma anche urlare, e volevamo un disco che si cantasse urlando, come un coro da stadio». Tra le altre curiosità, il titolo Ill Ray (The King) viene dal soprannome di Sergio dato da suo padre, “il re”, che per esigenze fonetiche è stato modificato in “Ill Ray”.

Ad anticiparlo, il lyric video relativo al primo estratto, You’re In Love With A Psycho («È una canzone che parla di amore; tutti possono immedesimarsi nella follia che c’è in una storia d’amore»), un numero decisamente pop per i loro standard rock tinti di elettronica. Il brano viene accompagnato da un videoclip pubblicato il 31 marzo.

di Edoardo Bridda

Widget

Altre notizie suggerite