Lifestyles of the Laptop Café
feb
10
2017

The Other People Place

Lifestyles of the Laptop Café

Warp Records

AmbientTechno
Precedente
U Fujutu su nesci chi fa? Cesare Basile - U Fujutu su nesci chi fa?
Successivo
New Spirit PVT - New Spirit

Info

Uscita il 10 febbraio 2017 via Warp Records, Lifestyles of the Laptop Café è la ristampa del disco pubblicato postumo il 3 settembre 2001 da James Stinson (nato a Detroit il 9 settembre 1969), membro del duo Drexciya. Prima di spegnersi nel settembre 2002, decretando la fine di uno dei progetti più misteriosi e influenti della techno, Stinson aveva rilasciato un’intervista parlando del programma Seven Storms, un programma suddiviso in sette album da pubblicare nel giro di un anno sotto altrettanti alias e label. Soltanto tre di questi lavori hanno visto la luce: Drexciya: Harnessed The Storm (Tresor, gennaio 2002); Transllusion: The Opening Of The Cerebral Gate (Supremat, sublabel Tresor, novembre 2001) e appunto Lifestyles Of The Laptop Café sotto l’alias di The Other People Place.

Lifestyles of the Laptop Café è disco profondo, meditativo e concettuale tagliato più sull’ambient e la deep che sulle astrazioni futuriste electro-techno funk delle produzioni del duo. Il titolo sembra riferirsi alla sala di un bar dove le persone sono immerse nei loro laptop. Il lavoro si apre, infatti, con mormorii sofferenti, i piatti cavalcanti e i pads melodici di Eye Contact. Una voce aliena in It’s Your Love ripete «It’s your love that’s keeping me so lost» su un beat Roland 808, bassi pulsanti e pad atmosferici che trasmettono malinconia. L’atmosfera distesa, nonostante le pulsioni dei bassi, permane nel corso dell’album toccando momenti psichedelici (Moonlight Rendezvous), come nei synth in crescendo di You Said You Want Me alternati a tastiere romantiche e vocal sensuali. Sul finale, arrivano i momenti più energici: Let Me Be Me è un mantra robotico che evolve in arpeggi acidi, Running From Love e Lifestyles Of The Casual sono caratterizzate invece da groove avvolgenti, cassa incalzante e synth alienanti. Sono le melodie a smorzare la vitalità dei ritmi, e l’apice della serenità è raggiunta in chiusura con Sunraysrelax yourmind / slowly unwind»).

Con l’incontro tra ritmi derivati dalla techno, il funky della Motor City, un mood ispirato ai Selected Ambient Works di Aphex Twin e ai Boards Of Canada, la ristampa risulta necessaria per gli adepti del duo Drexciya (vi rimandiamo all’approfondimento di Alessandro Pogliani) ma anche per gli amanti dell’elettronica ambientale e intelligent degli anni Novanta.

di Luigi Lupo

Altre notizie suggerite