Batu (UK)

Biografia

Techno producer legato alla scena di Bristol – vedi anche Alex Coulton, Beneath, Hodge – nonché studente alla Spa University di Bath (la stessa di Appleblim, Addison Groove, Lurka e Asusu), Batu, vero nome Omar McCutcheon, nato dalle parti di Oxford, ha esordito sulla Cold Recording di Pinch con il 12” Eraser / Stairwells ottenendo, a stretto giro, l’avallo di un altro bristoliano doc, ovvero Peverelist (oltre alla sua cricca Livity Sound), che lo ha voluto per un 12” sulla sua dread-techno label Dnuos Ytivil.

Per quest’ultima – sub-label di Livity – esce il dittico Spooked / Clarity, due brani che svelano i ganci del producer con le sonorità grime /nu eski della Lost Codes di Visionist (Spooked), oltre a quelli più evidenti con Kowton e lo stesso Pev (vedi Raw Code), il tutto assemblato con un tocco dub già piuttosto personale.

In un’intervista concessa a Fact nel 2013, Batu sottolinea più di una volta l’importanza di preservare l’identità UK in quello che fa, nonché il ruolo assunto da Dubstepforum e dalle radio pirata nel catalizzare la sua passione per i ritmi: “dubstep, jungle e grime sono i tre generi che mi hanno influenzato di più, e questo è quello che deve trasparire dalle tracce che produco… …Source Direct, o il primo Loefah e il primo grime, tutto quanto, ha un vibe comune, è qualcosa che sta all’interno di un continuum“.

Leggi tutto

Altre notizie suggerite