Villagers (IE)

Biografia

Il titolare del progetto Villagers è il trentenne dublinese Conan O’Brien, arrivato al quarto album fresco di stampa, Where Have You Been All My Life?; vengono sintetizzati un quinquennio di musica del gruppo irlandese, a partire da un chamber pop espressivo per arrivare a una sorta di compilation rivisitata, alleggerendo il repertorio e rendendolo acustico.

Andiamo con ordine. Il 2010 vede la pubblicazione del fortunato Becoming A Jackal, su Domino, chamber personale, un album di formazione come il più classico degli esordi. Sinfonico, intimistico e malinconico, il disco lo fa conoscere. I paragoni con Conor Oberst, Micah P. Hinson ed Elliott Smith abbondano.

Segue, a distanza di tre anni, Awayland, disco atteso che vede l’inserimento di elementi elettronici nel songwriting di O’Brien; è sempre chamber, colorato di kraut e funk, quindi più dinamico. Un gradino sotto l’esordio, con il singolo Nothing Arrived a rappresentare degnamente le ballad intense.

Il 2015 vede l’uscita del terzo album, Darling Arithmetic, sempre su Domino: è una riconferma della cifra stilistica del gruppo, che abbandona le sovrabbondanze del passato per ritrovarsi più scarno e acustico: registrato in solitaria dal Nostro, con voce, chitarra e poco altro, è disco sincero e immediato.

Il tour che portano in giro i Villagers li vede, nello stesso anno, portare live tutto il loro repertorio, uniformandolo all’acusticità di Darling Arithmetic. Una rivisitazione generale.

Ed ecco che l’ultimo disco del gruppo, Where Have You Been All My Life? (2016) ripropone quanto fatto in tour: tanti pezzi dal penultimo, insieme a vecchie song riviste e scarnificate. Il risultato è un’ omogenea rivisitazione di tutto il catalogo Villagers, realizzata con intensità e passione.

Leggi tutto

Altre notizie suggerite