Youth Lagoon (US)

Biografia

Spesso uscire dalla propria cameretta, da un luogo sicuro che si conosce a memoria, e affrontare l’esterno non è così scontato. E’ però quello che ha reso interessante il percorso artistico di Youth Lagoon. Trevor Powers nasce a San Diego e comincia sin da subito a tradurre le sue sensazioni in musica, le sonorità dreamy che gli girano per la testa e un ottimo gusto per l’arrangiamento caratterizzano il suo estro, accompagnato da una capacità di scrittura semplice ed emotiva.

La parabola artistica del giovane statunitense inizia nel maggio 2011 con un brano messo on-line e vari apprezzamenti che gli permettono di firmare per Fat Possum e far uscire il suo disco d’esordio qualche mese più tardi. The Year Of Hibernation è un album dream-pop uscito in un periodo in cui il lo-fi raffinato vive il suo momento d’oro. Il ragazzo appena ventenne riprende una tradizione di songwriting vicino a quella di Daniel Johnston rielaborando però il tutto in una visione personale, più rilassata in alcuni punti.

Si vedono già tutte le qualità di Powers che due anni dopo, nel 2013, pubblica Wondrous Bughouse. Sul piano dei contenuti c’è uno spostamento di focus dalle malattie mentali e disturbi psichici, che caratterizzavano le riflessioni dell’esordio, all’impatto della dimensione spirituale sul mondo fisico. Sul piano musicale invece c’è una naturale evoluzione che spinge i brani in un mood meno intimista e più sperimentale, una sorta di Flaming Lips ma più lineari.

Durante il tour promozionale di Wondrous Bughouse, Powers riceve una telefonata che lo mette al corrente della morte di un suo carissimo amico, annegato in un fiume. Il dolore lacerante della perdita improvvisa diventa il fulcro su cui poggia tutto Savage Hills Ballroom, terzo disco di Youth Lagoon che si lascia andare ulteriormente alla sperimentazione attraverso una commistione raffinata di folk, elettronica e dream-pop.

Leggi tutto

Altre notizie suggerite