Jazz:Re:Found Festival 2016

Dal 7 dicembre al 11 dicembre 2016

Precedente
Rome Psych Fest 2016 Rome Psych Fest 2016
Successivo
KME – Karnel Music Expo 2016 KME – Karnel Music Expo 2016

Info

Si svolge a Torino dal 7 all’11 dicembre 2016, presso lo Spazio Q35 e Cap 10100 (e in altri luoghi cittadini), la nona edizione di Jazz:Re:Found, festival dedicato alla sperimentazione, alla reinvenzione e all’influenza del jazz nel tessuto musicale contemporaneo. Di seguito il programma giornaliero, come da comunicato stampa:

Mercoledì 7 dicembre – Presso Lo Spazio Dora (Ex Notorious ‘Lutrario’) salirà sul palco la leggenda dell’hip-hop che ha ispirato la serie The Get DownGrandmaster Flash, per l’unica data italiana del suo tour. A seguire, Luca Trevisi e Grasso Brothers. Mentre allo Spazio 211 troviamo il The Get Down tribute Clash e Yussef Kamaal, ovvero la coppia jazz-funk britannica capitanata da Yussef Dayes (batteria) e il polistrumentista Kamaal Williams.

Giovedi 8 dicembre –  il festival si sposterà al Cap10100 di Corso Moncalieri 18, con il concerto dei Gogo Penguin ed il dj set di Mr Scruff.

Venerdi 9 dicembre – dj set e live set si alterneranno tra il “main stage” ed il “dude stage” del Teatro della Concordia. Sul primo il rapper torinese Ensi, Clap! Clap! e lo “scultore del suono” Painé a cui l’organizzazione ha affiancato all’ultimo momento Colle Der Fomento, Sadar Bahar e Gilles Peterson per compensare l’annullamento del concerto dei De La Soul. Infine, saliranno sul palco Dj Fede, Dj Khalab e Abstract, con in chiusura la house raffinatissima di Leon Vynehall.

Sabato 10 dicembre – il Jazz:Re:Found si alternerà tra tre differenti location. Si partirà alle 19 alla Scuola Holden con l’esibizione (fuori abbonamento) di James Holden. Alle 22.30 ci si sposterà quindi al Cap10100 per lo spettacolo del batterista nigeriano Tony Allen e dalle 00.30 in poi la serata si animerà al Teatro della Concordia in due location: il Main Stage con Banana Boogaloo, Stump Valley, il producer newyorchese Joe Claussell e degli Underground Resistance, il Dude Stage con Abstract, Volcov e Soichi Terada.

Domenica 11 dicembre – In apertura Ed Ensi che presenta le battle. Closing party con Devo dei 4hero. Inoltre saranno presenti il piemontese Passenger e il duo Luigi Ranghino e Max Loderbauer (due terzi di un progetto, integrato dal grande Ricardo Villalobos, che è stato incubato dal team di Jazz:Re:Found e che potrebbe avere grandi sviluppi nel 2017) allo Spazio Dora.

Oltre alle esibizioni live, quest’edizione del festival includerà la mostra “John Coltrane Saved My Life”, un lungo e appassionante omaggio a Coltrane per indagarne, raccontarne o reinterpretarne le diverse anime, con il contributo di Luca Barcellona (uno dei calligrafi più conosciuti a livello mondiale), Giordano Poloni e affidando la curatela a giornalisti/esperti/collezionisti/dj di grande spessore come Rocco Pandiani e Raffaele Costantino. Altre grandi collaborazioni quelle col milanese Dude Club (diventato in pochi anni uno dei migliori club d’Europa, per la qualità della programmazione), per una curatela congiunta di alcuni spazi del festival, e con la nuova rassegna milanese JAZZMI, unita a Jazz:Re:Found nella presentazione del concerto di Jacob Collier, l’8 novembre come preview del festival. Le prevendite per il festival, sia per gli abbonamenti che per gli ingressi per i singoli eventi, sono già attive sul circuito mailticket.it.

Leggi tutto

Altre notizie suggerite