• nov
    01
    2004

Album

Sony Music Entertainment

Con noncuranza e solenne leggerezza, Battiato si perpetua. Spendendo pulviscoli di genio della montagna che (forse) possiede, spacciando per mestiere un’ispirazione che a momenti sbigottisce e talora disarma. Di questi momenti, Dieci Stratagemmi ne propone alcuni.

Chitarre e synth, polluzioni elettroniche, cori a perpendicolo, la dinamica palpitante e sinuosa degli archi, e quei testi che mirano l’assoluto sfiorando il banale, alternando le stoppose solennità del sodale Sgalambro con squarci d’inglese mimetico (così che la contro-polemica di I’m that non suoni troppo diretta, poste oltretutto le frasi decisive – in risposta a chi gli aveva criticato la partecipazione ad un festival della destra – in bocca a Cristina dei Lacuna Coil): tutto questo è il Battiato d’oggi, un signore più o meno tranquillo, condannato ad una imprendibile informalità, l’aspetto da professore svampito, l’espressione di chi ti confessa in ogni istante la trascurabile pregnanza della propria opera, da prendersi quindi col giusto dosaggio di trasporto e ironia.

D’altronde, da anni va dichiarando che con la musica "leggera" lavora al di sotto delle proprie possibilità, e con quella "colta" al di sopra, sempre in cerca insomma del famigerato centro di gravità permanente. Anche col cinema, più o meno lo stesso discorso. Ok, ci sarebbe da divagare, ma non è il caso. Torniamo a questo disco, che è buono, probabilmente il migliore dell’era Sony dopo L’Imboscata. Si presenta fin da subito nel segno di un’immediatezza prorompente, acida e giocosa insieme, equidistante dalla spiritualità austera dei cammelli nelle grondaie e dai cascami pop-wave di Fisiognomica.

Rubricato il singolo Tra sesso e castità, in cui il mestiere di cui sopra si delinea con ammiccante geometria (tipico arabesco di tastiera, tappeto d’archi meditativi, enfasi di chitarra elettrica nel chorus), il programma spiana una strategia piuttosto azzeccata di brani d’atmosfera e impertinenze "sperimentali", fa cioè proprio quello che ci si attende, più qualche briciola d’imprevisto.

Se difatti gli acquarelli jap di Le aquile non volano a stormi ed il languido incedere di Fortezza Bastiani disegnano fascinosi seppur consueti esotismi attorno ad amarezze socio-esistenziali (da questo punto di vista, è uno dei lavori più "impegnati" dai tempi di Povera Patria), l’allarmante Ermeneutica (singulti ritmici, tastierina isterica, atonalità spigolose, watt brucianti, invettiva e tormento) e la tesa 23 coppie di cromosomi (fauna impressionista digitale vagamente Bjork – periodo Post – con trasalimento di watt nel bridge) ostentano propensioni "avant" se non geniali quantomeno sbrigliate.
Che poi il lato ascetico e quello giocoso si fronteggino a poca distanza, fa parte di un gioco voluto in cui le parti si scambiano furtivi segnali d’intesa, tanto che l’austerità della conclusiva La porta dello spavento supremo (con trepida intro di Sgalambro) potrebbe celare in filigrana un humour disincantato ed esorcizzante, mentre lo scherzo dance Apparenza e realtà (architettato assieme ai gloriosi Krisma) tradisce nella cura del dettaglio (il lavoro puntiglioso della chitarra, le sincopi che scavano inquietudine nei versi, la vaporosità radioattiva delle voci…) la voglia di confrontarsi "da professionisti" con la materia.

Tirando le fila, i due momenti migliori sono a mio avviso Odore di polvere da sparo (per la fragranza pop che si divora l’epica, riappropriandosi così di uno stile divenuto nel frattempo peculiare di Max Gazzè) e Conforto alla vita (per la sontuosa disinvoltura con cui stempera tramestio glitch e mantici d’archi, per le angosce "da camera" sbilanciate in una visione ipermoderna), emblematici d’un disco che si gioca in anticipo la carta della medietà dignitosa.

Non so voi, ma è allo stesso tempo il minimo e il massimo che mi aspettavo da Franco Battiato. Cioè, va bene così, e alla prossima

1 novembre 2004
Leggi tutto
Precedente
3×0 – Treperzero 3×0 – Treperzero
Successivo
Stevie Wonder – Music of My Mind Stevie Wonder – Music of My Mind

album

artista

Altre notizie suggerite