• feb
    17
    2017

Album

PaxAm Records, Blue Note

Do You Still Love Me? La domanda posta in apertura che racchiude l’essenza dell’album intero, un album sulla rottura di una relazione, come lo furono anche Heartbreaker Love Is Hell. È in queste occasioni, di disperazione e tristezza, che il songwriter di Nashville da il meglio di sé, snocciolando brani dalla fluidità e dell’intensità giusta, come uno chef che ha l’istinto di servire il piatto alla giusta temperatura, con un dosaggio perfetto degli ingredienti. E di esperienza in cucina, Adams, ne ha da vendere. Questo è infatti l’episodio numero sedici di una carriera iniziata oramai nel 2000 (quindi fa una media di poco meno di un disco all’anno). Tutto fila via liscio, incastri perfetti di chitarra acustica ed elettrica, armoniche e Hammond quando serve, il tono del cuore spezzato a reggere per tutti i 42 minuti del disco. Si parte con la già citata Do You Still Love Me? che sa di Ottanta, altezza imitazione di Baba O’Reilly degli Who; si passa per il mid-tempo alcolico da non-voglio-più-vivere-in-questa-casa-dove-sono-stato-felice (Haunted House); poi una Doomsday che è perfetto equilibrio di country e soft rock; infine il country nasale, puro Nashville, di To Be Without You, per citare gli episodi migliori.

Eppure, a oltre vent’anni di distanza dall’esordio, se si conta l’esperienza dei Whiskeytown (1994 – 1999), nonostante ogni disco abbia un leggero sapore diverso evitando l’effetto “già fatto e sentito” (anche se a dire il vero non tutti riescono fino in fondo, vedi l’omaggio così così al country-pop di Taylor Swift con il cover album 1989) e nonostante il talento non sia in discussione (vedi il fatto che Noel Gallangher, quando la suona dal vivo, esegue Wonderwall come la fece Adams in Love Is Hell), all’equazione sembra sempre mancare qualcosa. Non fraintendeteci, Prisoner è un bel disco: lo metti su e sei subito sintonizzato su un’immaginaria stazione rock del Midwest mentre guidi la tua Mustang. Ma vista la facilità con cui quest’uomo scrive pop-rock song, vista l’apparente forza che lo fa passare oltre i momenti difficili della vita (alcol ed eccessi vari) senza intaccarne il talento, non sarebbe ora che arrivasse almeno un brano memorabile?

17 febbraio 2017
Leggi tutto
Precedente
Moiré – No Future Moiré – No Future
Successivo
Il Pan del Diavolo – Supereroi Il Pan del Diavolo – Supereroi

album

recensione

artista

Altre notizie suggerite