• mag
    01
    2010

Album

La Valigetta

«Penso uscirà un EP a breve, tipo ad aprile, e poi il disco in estate, taglio underground, più house, meno pop del primo». Così ci aveva detto Borut a gennaio. Tempi discografici dilatati, l'EP esce a fine maggio. Dell'album non sappiamo, si vedrà. Intanto, un fresco mangia&bevi per l'estate, quattro pezzi soltanto, quattro bombe, altrettanti omaggi oldskool. E' qui che sta l'essenza underground del disco (perché i pezzi sono di una godibilità assoluta), nel taglio quasi filologico di un omaggio che senti subito essere quello di un superappassionato.

Rispetto all'esordio, niente canzoni, niente pop e niente hip hop (se non nel richiamo a quei primissimi anni Ottanta in cui gli idiomi electronici erano ancora felicemente confusi), focus tutto sull'house, musica sempre luccicante, festaiola, generosa. La chiave sono i motivetti, irresistibili, rivestiti poi dai suoni giusti. Il riff funky, il lungo bridge unto wah-wah e l'inserto disco di The Heaven And Back; l'intro percussivo tropicalia, il basso che pompa, le tastiere spernacchianti di Colorado Strings (quasi sicuramente in scaletta al Wintercase, ma non potevamo saperlo); lo stardustin' stomp funky di Pina Colada; l'electro/freakhouse deep, notturna e cattiva di Flashback. Goduria.

26 luglio 2010
Leggi tutto
Precedente
Caetano Veloso at Parco di Palazzo ducale, 19 luglio 2010 Caetano Veloso at Parco di Palazzo ducale, 19 luglio 2010
Successivo
Humpty Dumpty – Noia e rivoluzione Humpty Dumpty – Noia e rivoluzione

album

artista

Altre notizie suggerite