• giu
    05
    2013

Album

Reddarmy

Gli Smania Uagliuns sono la risposta concreta a un improbabile quanto non richiesto quesito: può esistere oggi un filo conduttore che collega la Basilicata a Detroit (o a Chicago, Atlanta, o che altro)? Un trio che è una delle incarnazioni più freak della storia del rap in Italia, con un suono unico, mutuato da innumerevoli influenze ma forgiato da un’ispirazione autentica e da un provincialismo – nel senso più nobile e antiglobalizzante del termine – che ha portato i tre ad un notevole livello di originalità e stile, nelle musiche come nelle liriche. Giusto per suggerire una direzione: siamo dalle parti dei Sa-Ra o degli Outkast più colorati.

Già i nomi possono suggerirvi qualcosa: Enzo “The Agronomist”, Gennaro “Pastor Flava” e Gianni “The Old Dirty Trumpet”. Un mix alieno di hip hop psichedelico, cultura rurale e armonie pastose. Una roba tipo la colonna sonora di una partita a carte tra George Clinton e loro nonno. Troglodigital è il loro secondo disco, a quattro anni dal bellissimo Rural Chic Revolution, che li ha fatti conoscere in giro e ha ottenuto un buon successo di pubblico e critica (hanno vinto l’Arezzo Wave nel 2009). A differenza del primo, questo è un album più concentrato sulle canzoni, caratterizzate da strutture meno hip hop, con grande attenzione sugli incisi e i ritornelli.

Un pregio e un difetto. Parto dall’ultimo: troppa carne al fuoco. I brani talvolta appaiono complicati e poco fluidi; The Agronomist ha un grande talento produttivo, ed è anche un ottimo musicista e conoscitore della musica, ma il salto di qualità vero può e deve farlo lavorando in sottrazione. Il pregio è che oggi in molti sanno suonare bene, in molti sanno rappare bene, e in molti sanno produrre anche buoni beats. Pochissimi però hanno un linguaggio personale. Gli Smania Uagliuns ce l’hanno. Ed è storto, rozzo, saporito e originale. Nel rap hanno fatto passi da gigante e nei cantati non li batte nessuno. Speriamo che in molti seguano la loro via. Ce ne vorrebbero a dozzine, di Smania Uagliuns.

11 giugno 2013
Leggi tutto
Precedente
L’anthologia Funk – Dagli anni ’70 ad oggi L’anthologia Funk – Dagli anni ’70 ad oggi
Successivo
Smith Westerns – Soft Will Smith Westerns – Soft Will

album

articolo

BEAT dot IT

Speciale

La compila BEAT.IT (realizzata anche grazie a SA), che cerca di mappare i fermenti più nuovi tra i producer italiani anni '00s, è il ...

artista

Altre notizie suggerite