FLOW #023 Amici di narici

Come meglio iniziare la playlist della settimana se non con un inno tanto gioioso da recitare nel refrain «Facciamo tutti schifo»? È l’impietosa e schietta opera di Mudimbi, rapper di San Benedetto Del Tronto e originario del Congo, che il 24 marzo debutterà col primo full length Michel. Schifo è scura, claustrofobica e terribilmente splendida grazie ai testi e alla produzione di RIVA ma anche grazie al video di Federico “Fred” Cangianiello; ambienti chiusi e angusti, malessere fisico e mentale, descrivono i tormenti e le ipocrisie dell’uomo moderno. L’MC britannico Skepta ha pubblicato il video di No Security, pezzo dal sapore inquietante non a caso edito in occasione dello scorso Halloween. Nel video, il paladino del grime londinese si muove in maniera per lui inedita all’interno di un frame quadrato, dove le situazioni mutano come set cinematografici. Rimanendo nell’ambito, ecco il nuovo singolo di Diego Germini, in arte Izi. Il rapper ligure racconta rammarichi e drammi personali in Pianto, pezzo prodotto da Shablo. Il video di Federico Merlo è girato ad Amsterdam, ma il vero elemento protagonista del clip è l’acqua, a simboleggiare una moltitudine di lacrime. Il 7 aprile uscirà l’album omonimo del producer venezuelano Arca, che proprio in questi giorni ha pubblicato il primo videoclip di un estratto dal titolo Anoche. L’intimismo e la drammaticità raggiungono livelli estremi, in vista di un disco che lo stesso Arca preannuncia talmente viscerale da risultare violento. Il mettersi a nudo è espresso esplicitamente nel video diretto da Jesse Kanda, nel quale emergono in maniera tragica e teatrale le pose fortemente sessualizzate tipiche dell’artista.

Cambiamo tono grazie al pop spensierato di Ariana Grande. Everyday, che presenta il feat. di Future e fa parte dell’album Dangerous Woman (recensito da Nino Ciglio), è accompagnato dalle immagini del video diretto da Chris Marrs Piliero. Nel clip, la Grande e il rapper americano si muovono mentre alcune comparse si lanciano in effusioni passionali in pubblico. Ancora atmosfere rilassate con Calvin Harris che, insieme a Frank Ocean e al trio hip hop Migos, mette assieme un dream team per il singolo Slide. La voce calda e le influenze rétro riportano Harris alle produzioni originarie improntate al funky. Pop X, ovvero eclettismo lo-fi e ironico per eccellenza, è sinonimo di continue e piacevoli sorprese. Il video di Frocidellanike riesce a spostare ancora l’asticella della provocazione e del nonsense tirando in ballo stavolta una grottesca pattuglia della polizia. La canzone non può che rimanere in testa, ed è tratta da Lesbianitj, album recensito da Luca Roncoroni. In settimana è uscito anche un nuovo videoclip di Dargen D’Amico, per una canzone contenuta nel nuovo album Variazioni, che sarà pubblicato il 28 marzo anche in una versione deluxe col primo libro scritto dallo stesso D’Amico. In L’Altra il rapper/cantautore milanese è accompagnato dal pianoforte di Isabella Turso, mentre il video, diretto da Federico Cangianiello, si svolge come un vecchio show televisivo annunciato da una “signorina buonasera”.

Cambogia, nel video di Millennial, quarto estratto del suo recente e secondo album La sottrazione della gioia per Bomba Dischi, sceglie di reinterpretare sé stesso parafrasando i video degli youtuber che rifanno brani dell’indie italiano, creando una genuina “live session” da cameretta con tanto di chitarra acustica e poster raffiguranti icone della sfera adolescenziale come Sid Vicious, Adventure Time e meme su Massimo D’Alema. Melina Duterte è originaria di Oakland e sotto il nome di Jay Som propone sonorità a metà tra il garage e il dream pop. Il 10 marzo pubblicherà Everybody Works, il suo secondo album per Polyvinyl Records, la cui uscita è anticipata dal video del brano Baybee, dove le atmosfere da settimana bianca nel New Hampshire sono accompagnate da coreografie ambientate nella cabina di una funivia. Dopo Completamente, i Thegiornalisti pubblicano in concomitanza con la cerimonia degli Oscar, il video di Sold Out, diretto da Alessio Lauria e Francesco Lettieri. Lo scenario è quello di Pomezia, un campo da calcio deserto fa da palco al trio romano, mentre un’orda di ultrà si aggira per l’Agro Romano intonando le strofe del brano a squarciagola, come se fossero cori da stadio. Il 17 marzo Giovanni Imparato, con il nome di Colombre, pubblicherà il suo album d’esordio, Pulviscolo. Il video di Blatte è il secondo estratto ad anticipare l’album ed è un brano che vede la collaborazione di Iosonouncane, la cui influenza in questo frangente è molto spiccata. La regia è stata affidata ad Alberto Gottardo, che ha ambientato il video in un ristorante asiatico seguendo la quotidianità di una cameriera e amplificando il senso di velato malessere attraverso la scelta di una fotografia in bianco e nero.

Cambiamo territori musicali con Quadrato X, producer fiorentino che in 4d Soul propone un brano che riprende le atmosfere vaporwave, unendole a sonorità più cupe, tendenti all’industrial e all’elettronica di matrice teutonica. Il video è un mash-up anacronistico di glitch art, dove troviamo raggruppati in poco più di tre minuti tormentoni di YouTube, meme, Boy George e scene adrenaliniche tratte da Star Wars. Inaspettatamente, tramite un timido post su Facebook, i Fine Before You Came hanno pubblicato Il numero Sette, nuovo album contenente sette inediti. Per Flow abbiamo scelto di inserire Sequel, un brano intenso, che descrive a pieno la malinconia che aleggia attorno a questo album. The Poets Were Right è il terzo estratto dall’album Microclimate di Mauro Remidi, conosciuto come Porcelain Raft, nel quale ci racconta quanto sia importante mantenere il contatto con l’infanzia, con l’innocenza e la capacità di vedere il mondo attraverso occhi diversi. La regia del video è stata affidata all’artista romana Ra Di Martino, che ha interpretato perfettamente il pensiero di Mauro, creando un delicato video in bianco e nero.

Primo album su Hardly Art intitolato Sincerely per la band di Seattle Dude York, che nel suo clip Love Is, diretto da Cahn Nguyen, è protagonista in uno show televisivo. Da membri di Billy The Kid, Adaptados e Alphabetics ecco sorgere i costaricensi Entre Lobos che, grazie alla regia di Enrique Segoviano, presentano la loro Talvez No Sea Tarde, estratta dall’ep Golden Boy. Torna il post-hardcore degli At The Drive In che con Incurably Innocent anticipano l’uscita, il prossimo 5 maggio, di in • ter a • li • a. Un ottimo video tutorial per tutti gli aspiranti body builder che leggono Flow è The Bar Is Low dei Pissed Jeans (diretto da Joe Stakun), che celebra l’uscita dell’album Why Love Now per Sub Pop Records. Always invece è una raccolta di tour footage dei Big Jesus, band alt-rock di Atlanta, dal loro album Oneiric, targato Mascot Records. I francesi Gojira hanno pubblicato un altro singolo dall’acclamato album Magma, intitolato The Cell: la regia di Drew Cox mette in risalto la pesantezza del pezzo con un bianco e nero in negativo. Una chiusura non per tutti con lo slam dei Vampirecunt, che con By The Pussy citano il neo presidente degli Stati Uniti accarezzando un grazioso gattino.

Leggi tutto
Precedente
Fedele a me stessa. Intervista a Mèsa Mèsa - Fedele a me stessa. Intervista a Mèsa
Successivo
La densità profonda: un’intervista a Lawrence English Lawrence English - La densità profonda: un’intervista a Lawrence English

Altre notizie suggerite