Flow #30 – Una notte per ricominciare

L’apertura di Flow di questa settimana ci trasporta in un hyperlapse che incornicia la fredda Cortina D’Ampezzo: le immagini accompagnano il classico moderno Del Verde, ottava traccia dell’album Mainstream di Calcutta, qui recensito da Marco Frattaruolo. Il video (diretto da Francesco Lettieri, già autore di Oroscopo e Cosa mi Manchi a Fare) è stato pubblicato senza alcun preavviso, suscitando notevole sorpresa e ponendo Calcutta fuori da ogni logica di mercato mainstream. Continuiamo il viaggio nel panorama indie italiano con i Canova, che pubblicano a distanza di tre anni una seconda versione del video di Expo, una turbolenta storia d’amore milanese, la cui regia è stata affidata a Bendo Films, già autori del video di Manzarek. Il brano, proposto in una seconda versione, fa parte del loro album d’esordio, Avete Ragioni Tutti edito Maciste Dischi, recensito per noi da Maria Eleonora Mollard

I californiani Wavves pubblicheranno il 19 maggio il loro nuovo album You’re Welcome per Ghost Ramp, a due anni di distanza da V. L’album è anticipato dal singolo Million Enemies ed è accompagnato da un video diretto da Rocco Rivetti. Nel clip vediamo alternarsi riprese della band vestita con abiti di alcuni decenni fa, a immagini di una fan che sogna di partecipare allo show. I Royal Blood giungono al secondo album How Did We Get So Dark? anticipando l’uscita del disco con il video di Lights Out. Nel clip diretto da Sacred Egg vediamo il duo britannico suonare al centro di una stanza dalle luci fredde, che pian piano muterà in una piscina lattiginosa piena di corpi di nuotatori e nuotatrici, per poi virare completamente al rosso. Con i Seaway entriamo nel sempreverde universo del pop punk; la band canadese, in attesa di pubblicare il prossimo album, rilascia un video tour per il brano Airhead estratto dal secondo album Cloud Blind per Pure Noise Records. Manteniamo la rotta con il nuovo singolo dei New Found Glory, Party On Apocalypse, che va ad anticipare l’uscita del loro nono album, Makes Me Sick per Hopeless Records. Il brano mantiene lo stile che ha sempre contraddistinto la band guidata da Jordan Pudnik ed è accompagnato da un video ambientato in un improbabile futuro post-apocalittico. Sempre dalla scuderia di Hopeless Records gli Yellowcard pubblicano il loro ultimo video in assoluto; la band si è definitivamente sciolta quest’anno dopo 20 anni di carriera. Ed è proprio la voce della band, Ryan Key, nell’introduzione del clip di A Place We Set Afire, a lasciare un messaggio di ringraziamento a tutti i fan per poi dare spazio alle immagini dell’ultimo concerto alla House of Blues di Anaheim.  

Rimaniamo in California dove incontriamo i No Vacation da San Francisco. Mind Field è il loro nuovo singolo edito da Top Shelf Records, un brano di raffinato e minimale dream-pop, accompagnato da un breve cortometraggio diretto da Patrick Mattes, dove viene raccontanta una storia d’amore adolescenziale. Katie Crutchfield aka Waxahatchee ritorna sulle scene dell’indie rock con il suo singolo Silver: dalle lyrics estrae il titolo del nuovo album in uscita il 14 luglio, Out In The Storm; il video del singolo è diretto da Catherine Elicson. 3WW è il suggestivo singolo degli alt-J. Girato in bianco e nero con la regia di Young Replicant, è ambientato in Messico e racconta di amore e perdita; il singolo anticipa l’uscita del terzo lavoro ufficiale, Relaxer, prevista per il 2 giugno. Uscito a metà febbraio 2017, The Feminine: Act II è l’ultimo lavoro di Anna Wise. Qui l’estratto è Free From The Normal, che continua il filone di clip intimi come Coconuts e Balance In All (contenuti sempre nello stesso album) e in cui si vede la Wise passare da una vasca da bagno in casa ad una jacuzzi all’esterno, il tutto in pieno inverno. Tre dolci ragazzine che sorseggiano Fanta accarezzandosi in un garage di una metropoli tentacolare sono le protagoniste di Radio di Sylvan Esso, duo formato da Amelia Randall Meath e Nick Sanborn. Diretto da Elise Tyler, Radio fa parte di What Now, secondo lavoro previsto per il prossimo 28 aprile.

Rei Nadal dirige Controller, il nuovo singolo degli Hercules & Love Affair con Faris Badwan degli Horrors, unendo l’esplicito e l’astratto, lo spirituale e il vano. Non c’è ancora un titolo per l’album, mentre la pubblicazione è prevista per il 14 luglio per mr.intl e Big beat. L’alt pop dei Revo Fever arriva al primo lavoro su lunga durata con Vivere Il Buio, dopo diversi EP. Open track è proprio Martedì, con la regia di Piero Piccioli e Martina Varotto. Vivere Il Buio è stato recensito sulle pagine di Sentireascoltare da Antonio Lamorte. Tre diversi stili di rap si uniscono in un solo video (diretto da Younuts) composto da due tracce, grazie a Coez, per il suo atteso lavoro Faccio Un Casino in collaborazione con Niccolò Contessa de I Cani. Prima parte riservata a Taciturnal con l’anima più poetica del Truceklan e degli In The Panchine Gemello, mentre si passa alla seconda parte col caciarone Gemitaiz in Occhiali ScuriEntra in scena forse il miglior rapper del mondo, Kendrick Lamar. Già acclamato dai fan e dalla critica, l’album DAMN. (qui recensito) è al secondo singolo, dopo HUMBLE., con DNA.: il video, diretto da Nabil e The Little Homies (ovvero lo stesso Lamar e Dave Free), vede anche la partecipazione di Don Cheadle e di ScHoolboy Q.

Auto con sospensioni idrauliche, cani feroci e atmosfere infernali nel nuovo video di Trevis Scott dal titolo Goosebumps. Alcuni rimandi a film come Constantine e Dal Tramonto all’Alba fanno da sfondo alla trap del rapper texano, impreziosita in questa circostanza dalla partecipazione di Kendrick Lamar, protagonista della variazione del pezzo contenuto nell’album Birds in the Trap Sing McKnightTerminato il percorso in territori legati alla sfera hip hop, ecco il polistrumentista Todd Rundgren col video del singolo Deaf Ears. L’effetto psichedelico delle immagini, curate dallo stesso Rundgren, esalta le contaminazioni presenti nel brano, apportate dalle prestigiose collaborazioni con Atticus Ross e Trent Reznor dei Nine Inch NailsIl 30 giugno prossimo uscirà Reflections, nuovo lavoro di Floating Points. Non si tratterà semplicemente di un album, ma di un cortometraggio con la relativa colonna sonora curata dallo stesso Sam Shepherd insieme alla sua band. I cinque sono protagonisti del video Silurian Blue diretto da Anna Diaz Ortuño, come esploratori sonici nell’infinità del deserto e del cielo da cui sono circondati. Lizzy Farrall è una giovane cantautrice di Chester, semplicemente accompagnata dalla propria chitarra e da quella di Ianto Roberts per portare al pubblico un intimismo dalle sfumature emo. Edito da Pure Noise Records, il singolo Broken Toy può contare sul video di nuova uscita, nel quale la Farrall compare alla solitaria ricerca di preziosi ricordi in una natura fredda ma avvolgente.

In settimana è stato pubblicato il video di Truth, che segna il ritorno di Kamasi Washington dopo l’acclamato debutto discografico The Epic (2015), disco recensito su queste colonne da Fabrizio Zampighi. Truth è il sesto e conclusivo movimento dell’EP che uscirà quest’estate per Young Turks col titolo Harmony of Difference, una suite che ha debuttato alla Whitney Biennial di quest’anno insieme al film di A.G. Rojas (le cui immagini accompagnano il brano nel videoclip). Si può apprezzare la complessità della musica del jazzista californiano che qui esplora le possibilità filosofiche della tecnica musicale nota come “contrappunto”, che Washington definisce «l’arte del bilanciare similitudine e differenza per creare armonia tra melodie separate». I quattordici minuti abbondanti di Kamasi Washington segnano uno spartiacque nella playlist, che prende nuovo vigore con una svolta heavy, a cominciare dal video dei Loathe, band inglese dalle sonorità djent e metalcore. East of Eden è un brano contenuto nel debut album del gruppo The Cold Sun, uscito il 14 aprile per SharpTone Records, ed il relativo videoclip mostra animazioni in bianco e nero dal sapore cupo e inquietante. Il finale spetta agli Ulsect, olandesi dediti al metal estremo che il 12 maggio pubblicheranno l’album omonimo via Season of Mist. Il brano Unveil ne è un’anteprima, non accompagnata dalle immagini di un videoclip.

Leggi tutto
Precedente
Flow #29 – Facce da led Flow #29 – Facce da led
Successivo
Flow #31 – Un Sergente di Metallo al rallentatore Flow #31 – Un Sergente di Metallo al rallentatore

recensione

recensione

artista

artista

artista

artista

artista

artista

artista

Altre notizie suggerite