Secolo
Ott
22
2013
array(0) { }
  • Attuale
  • Nostalghia
  • Secolo
  • Frammenti
  • Diorama
  • Terra che attendo
  • Sabato
  • Terra che trovo
  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente
Repent Replenish Repeat Dan Le Sac Vs Scroobius Pip - Repent Replenish Repeat
Successivo
Memorial Russian Circles - Memorial

Info

Secolo è riflessione su un tempo che non dà prospettive né via d’uscita, non è accomodante né piacevole e non si fa domare. Non chiede comprensione e non cerca empatia, si vuol far subire in un’immobilità totale e inspiegabile. Fluisce e gradualmente si arresta costringendo chi lo vive a sostare in una condizione dolorosa che non offre orizzonti e non concede cambiamenti. Secolo è una montagna che stratifica epoche e attimi già trascorsi (che mai apparterranno all’uomo perché non spiegabili con una semplice vita); è una presenza ostile che non concede nessun confronto.

Ecco, è in mezzo a tutto ciò che pulsa il cuore dei personaggi e il loro tentativo di riattivare e dettare un ritmo agli eventi in grado di dare soluzione e sollievo. Ma è un movimento interno destinato a collassare perché inconciliabile con l’immutabilità del fuori. Quindi resta l’uomo e restano i suoi gesti disperati e ripetitivi, ultimi baluardi di resistenza e sovversione che acquistano potenza e ritualità diventando strumenti di consapevolezza e conoscenza. In questo sforzo affiorano frammenti, parti di sé, verità nuove, visioni riappacificanti.

Questo è Secolo, secondo capitolo de La Nevicata Dell’85 composto da 8 pezzi che vedono rafforzata la volontà nel continuare a spingere sull’approccio emozionale. Rimane obiettivo prioritario quello di evocare e coinvolgere chi ascolta, dipingendo scenari e costruendo immagini sonore. Consolidato e personale risulta l’utilizzo di continue tensioni interne che risolvono in drastici cambi di dinamica. Strumentalmente, al fine di ottenere soluzioni compositive nuove, trova posto una seconda chitarra. Il sound si apre e diventa, allo stesso tempo, arioso, compatto, materico e scuro. Si infittisce musicalmente il dialogo fra strumenti in una persistente ricerca di equilibri e fratture. Si passa da pezzi meditativi ad altri più ruvidi e monolitici. In mezzo a tutto ciò, c’è una voce che sussurra, parla, urla e che governa le diverse anime dell’album. Una voce, che a suo modo, evoca e racconta la complessità di Secolo.

(fonte: DreaminGorilla)

di Alberto Lepri

Altre notizie suggerite