Paris… Bogota… Sapporo… Londonderry
Feb
13
2019

Sindaco, Dj Uovo

Paris… Bogota… Sapporo… Londonderry

OTO Casa Discografica

Techno
Precedente
Anoyo Tim Hecker - Anoyo
Successivo
Titanic Rising Weyes Blood - Titanic Rising

Info

Condiviso in streaming il 21 gennaio 2019 (ma disponibile in vinile dal 13 febbraio), Paris… Bogota… Sapporo… Londonderry è l’EP collaborativo tra due decani della scena club/dance/elettronica bolognese (e mettiamoci pure italiana tutta), Cristiano Rinaldi in arte UOVO (già Memoryman e un terzo dei Pastaboys) e (Angelo) Sindaco (tra le altre cose boss della OTO che pubblica il disco). Gente attiva dai primi 90s che si è guadagnata il rispetto internazionale.

Accreditata a nome U / S, si tratta della prima collaborazione a livello di produzioni tra i due amici di lunga data il cui sodalizio artistico risale allo scorso anno, all’altezza del primo volume curato dalla OTO Skank Bloc Bologna (contenente le produzioni di Mayo / Abyssy, Luca Ghini e Paolo Iocca). Di Sindaco ci siamo occupati su queste pagine nel 2017 per via di Grandi Successi, l’ottimo album collaborativo con Carli Moretti, un eccitante mix di leftfield techno dalle molteplici influenze (dall’industrial al post-punk alla disco e oltre con ospite pure Emidio Clementi). Lo stesso anno, Rinaldi ha pubblicato, assieme a Leonardo Beccafichi, in arte Fresco, il valido EP acid techno King Khan sull’etichetta di Ralf Laterra.

Nel caso di U / S ci si muove all’interno di club track 4/4 con occhio e mano illuminata: umidicci cromatismi techno Bologna / Detroit / Berlino (Visual) – anche in versione remix del seriale ma comunque generoso Simoncino – declinazioni di quella materia in pulsanti ottovolanti in avvitamento spacey (The Rain Track), ritorni a giri di basso DX7 (ciao Aphex), stab e sincopati vecchia scuola ma ripensati con makeup e liquidi arpeggi assolutamente contemporanei (Maximo Park). Tre valide tracks e un remix che incattivisce l’originale e porta il minutaggio a 26 minuti di club music fatta come si deve. No nostalgia. Si esperienza, radici e coerenza.

di Edoardo Bridda

Altre notizie suggerite