Velocity Girl / Broken
Lug
05
2019

Primal Scream

Velocity Girl / Broken

Sony Music Entertainment

Rock
Precedente
Angel’s Pulse Blood Orange - Angel’s Pulse
Successivo
Building Bridges Move D - Building Bridges

Info

Il 5 luglio 2019, Sony ha condiviso la versione digitale rimasterizzata del singolo Velocity Girl, vinile stampato in occasione del Record Store Day e originariamente b-side di lusso che i Primal Scream avevano inserito sul retro del loro secondo 7” in assoluto, Crystal Crescent (aprile 1986). Il brano rappresenta un piccolo grande culto: è arcinoto per esser stato scelto per aprire la scaletta di C86, l’influente compilation curata da NME nello stesso anno. La cassetta, definita da più parti come «the beginning of indie music», ha finito per identificare un intero genere di musica indipendente indebitata verso il pop dei 60s, in particolare quello psichedelico dei Byrds. Parliamo di jangle sound lato chitarre ma anche di melodie e arrangiamenti che conservano tensioni e urgenze del post-punk.

Anticipato da un nuovo videoclip condiviso ad aprile 2019, il singolo – come è evidente dalla scelta della cover e delle immagini d’archivio utilizzate per il clip – è stato (parzialmente) ispirato dalla musa di Warhol, Edie Sedgwick. Evidenti dunque i richiami agli Smiths fin dalla scelta iconografica, ma i legami con la band mancuniana si estendono anche alla musica: l’intonazione vocale di Bobby Gillespie ricorda da vicino, in particolare nel ritornello, il romanticismo del giovane Morrissey. Sul retro del singolo troviamo anche un nuovo brano, Broken, prima canzone incisa dalla band dalla pubblicazione di Chaosmosis (2016), che si abbina qui come una ricognizione più adulta e consapevole di quello stesso sound.

«Avevo in mente un personaggio come Edie Sedgwick quando ho scritto il pezzo Velocity Girl – scrive Gillespie in una recente nota – avevo letto la biografia di Jean Stein e volevo incontrare una ragazza così, uscire assieme a Warhol, i Velvet Underground e Bob Dylan, farmi di anfetamine rimanendo absolutely fabulous super hip and beautiful. Era lei la musa di tutto ciò e I Love Her».

di Edoardo Bridda

Altre notizie suggerite