Album

Piers Faccini

Songs Of Time Lost

14 Ottobre 2014 cantautori folk

Songs Of Time Lost è un disco firmato dal folk singer Piers Faccini e il violoncellista Vincent Segal. La materia concreta dell’album è la rivisitazione di alcuni classici della canzone partenopea, anche se compaiono altre cover di artisti e due inediti. Il viaggio è attorno al folk, dal momento che l’impianto sonoro è dato dal duetto tra la chitarra acustica e il violoncello (The Closing Of Your Eyes), ma il ritmo è tenuto abbastanza alto dalla diversità degli arrangiamenti e soprattutto l’influenza di altri stili e generi limitrofi. E’ il caso ad esempio dell’antica tarantella napoletana Cicerenella, che assieme a un omaggio a Pino Daniele (Cammina Cammina), al teatro di Roberto De Simone (Villanella Di Cenerentola) e altre due pietre miliari come Jesce Sole e Dicitencello Vuje, rappresenta il grosso delle ispirazioni mediterranee di questo disco. C’è poi il valzer di Quicksilver Daydreams Of Maria, cover di Townes Van Zandt, e ancora lo zydeco di Cradle To The Grave e le suggestioni calipso di Everyday Away From You. 

Piers Faccini canta in inglese come in francese e napoletano, a testimonianza dell’approccio multiculturale di Songs Of Time Lost. L’ascolto scorre così veloce, complice anche la durata di ogni singola composizione, e si arriva con facilità alla fine con l’interpretazione del classico folk britannico Make Me A Pallet On You Floor. Un bell’esercizio di stile ma non solo.

Tracklist
Ascolta
Spotify
Voti
Amazon
Discografia
Vota

I più ascoltati