Album

Sonia Calico

Sonia Calico – Simulation of an Overloaded World

15 Ottobre 2020 bassmusic elettronica
Array

Nata e cresciuta a Taipei e molto attiva nella scena musicale taiwanese, Sonia Calico cita tra le sue influenze Juke, Chill Trap, Bass, Hip-Hop, e l’intramontabile Amen Break; ma le contaminazioni rintracciabili su questo Simulation Of An Ovelroaded World – titolo che incapsula al meglio il contenuto dell’album – si estendono agli angoli del globo, lanciando nel tritacarne anche brandelli di kuduro, dancehall, gqom e chi più ne ha più ne metta.

L’artista presenta l’album come “il tentativo di simulare il mondo del futuro, di creare la visione di uno scenario postumano, immaginare la prossima forma di vita che potrà venire al mondo”. Il risultato di tali premesse è un lavoro eterogeneo ed eccentrico, all’insegna della contaminazione culturale e della globalizzazione delle estetiche e delle sonorità. Simulation Of An Ovelroaded World è un overload di nome e di fatto. Nell’arco di pochi minuti si passa agilmente dall’r&b elettronico (Chaos pt. I), a bassi wobble sile Croydon 2006 (Divison by Zero, col feat. di Air Max ‘97), al Neo Tokyo Folk, al footwork per AI (Primary Function Overloaded). Nel tripudio di synth al neon e schemi ritmici variegati – lo UK funky 2.0 di Club SImulation, il kuduro e il gqom imbevuti nella trance su That Dance on that Moon e Mukbang RollerSimulation Of An Ovelroaded World è orgogliosamente digitale e frammentario, specchio fedele della rete.

Ascrivibile all’ala più accessibile di quella che per comodità semplificatoria si è soliti chiamare deconstructed club, l’album è aperto all’immediatezza di matrice pop e pensato primariamente per i club, per quanto decostruiti o digitali possano essere. Un compendio dia- e sincronico di molta dance music, ben confezionato e godibile pur senza spiccare particolarmente per carattere e identità.

Tracklist
Ascolta
Spotify
Voti
Amazon
Discografia
Vota

I più ascoltati