The Primitive Painter
Giu
26
2020

The Primitive Painter

The Primitive Painter

Apollo, R & S Records

AmbientTechnoElettronicaidm
array(0) { }
  • Hope
  • Disfigured Phantasy
  • Levitation
  • Psycho Kinesis
  • Cathedral
  • Invisible Landscapes
  • Click Song
  • A Pagan Place
  • Orgon Akkumulator
  • Stoned Soul Picnic
  • Testing
  •  
Precedente
Flow Black Flowers Cafe - Flow
Successivo
Run The Jewels 4 Run The Jewels - Run The Jewels 4

Info

R&S e Apollo annunciano la ristampa vinilica dell’omonimo album di debutto dei Primitive Painter, duo fondato a inizio anni ’90 da Roman Flügel e Jörn Elling Wuttke, meglio noti con altri due progetti in tandem, Acid Jesus e Alter Ego. Il disco, divenuto nel tempo oggetto di culto nel giro IDM con copie di seconda mano piazzate su Discogs a prezzi elevati (sulla nota piattaforma sono al momento acquistabili al prezzo di 70 euro), risale al 1994, ma all’epoca passò in sordina a causa di alcuni errori di gestione della R&S, che stampò l’opera firmandola a nome Klang Electronic – etichetta dei due artisti di Francoforte – e confondendo dunque distributori e digger.

L’album, spiega Jörn Elling Wuttke, prende il nome da un brano dei Felt ed è debitore verso l’influente compilation C86 pubblicata nel 1986 dal magazine NME. Coerentemente, all’interno trovano posto composizioni caratterizzate da approccio artigianale e fai-da-te attente tanto ai lavori dei Black Dog quanto a quelli di Mr. Fingers e a storiche etichette techno di Detroit come Planet E e Transmat.

Un’autentica gemma ambient techno (Invisible Landscapes) declinata su più fronti, tra vorticose griglie di synth e pad sinuosi (Hope), numeri electro e techno pop debitori ai Kraftwerk (Disfigured Phantasy, Cathedral), techno a battuta bassa (Levitation) e deep house intinta nell’acido (A Pagan Place). La nuova versione, disponibile dal 26 giugno 2020, include le dieci tracce originali, un nuovo artwork e l’inedito Testing.

di Daniele Rigoli

Altre notizie suggerite