A Quiet Man

L’irlandese discreto è tornato. Not Fade Awayè già il suo quinto disco, ma lui continua ad essere un culto per
pochi, almeno fuori dai confini patrii. Si muove in punta di piedi,
come la sua musica, che pare volersi schermare dietro il velo dell’
introspezione e dell’understatement ma che cela, tra elettronico e
acustico, un suono in realtà mai passato di moda. Kitt (Kittserper gli amici) cresce a Dublino in un ambiente musicale favorevole
(suona da piccolo con il padre e lo zio in una formazione folk), studia
musica al Trinity College, e comincia ben presto come one man band,
di pari passo con le conoscenze tecnologiche. Inizia infatti ad
elaborare la sue canzoni nel chiuso di casa, mescolando indietronica,
pop e folk. I numi tutelari sono Nick Drake,
innanzitutto, con cui condivide crepuscolarità di fondo e sensibilità
melodica, e songwriter come l’ombroso Elliott Smith, senza trascurare
influenze 70’s e 80’s provenienti da entrambe le sponde dell’Atlantico.

Da una serie di registrazioni casalinghe nasce così nel 2000 il disco d’esordio, l’autoprodotto Small Moments,
(uscito su Rough Trade due anni più tardi); una raccolta di songs
acustiche con tocchi elettro, tenui bozzetti delicati seppure ancora
acerbi, nei quali incomincia però a intravedersi una certa personalità,
tra vocalità James Taylor (Another Love Song), filastrocche ipnotiche in loop (Headphones), battiti electro (Sound Fades With Distance), malinconia e ballad ambient di ampio respiro (Step Outside In The Morning Light) (6.6/10).

Il salto avviene di lì a poco con The Big Romance(Blanco Y Negro, 2000). E che salto. Già perfettamente messo a fuoco,
l’album è un compendio del suo miglior songwriting: un pop-folk
minimale che si tinge di trame elettro, tra breakbeat, loop, tastiere
ed archi, armonie vocali e ballad delicate, con lyrics impressioniste
che richiamano sin troppo facilmente i già citati Drake e Smith (la notturna You Don’t Know I Don’t Want To Know), insieme ad umori crepuscolari 80’s fra il primo Ben Watt e battiti New Order (il basso di Pale Blue Light). Tra ballate ariose (Songs From Hope Street), richiami ai Beatles (Step Outside In The Morning Light), vocalità Tanworth in Arden (Strange Light In The Evening) che puntano ai Belle & Sebastian (Whispers Return The Sun)
c’è un equilibrio mirabile tra elementi indubbiamente diversi, ma mai
tanto complementari. Un’uscita importante che conquista anche i favori
del pubblico, diventando doppio platino in Irlanda e segnando
finalmente l’affermazione del Nostro oltre la madrepatria (7.4/10).
Il suo nome infatti comincia a circolare, e segue un periodo fervido
che lo vedrà in tour tra Europa e America insieme a diversi artisti,
dai Tindersticks a Starsailor, dai Mercury Rev ai Moldy Peaches.

Un momento positivo che culmina in Square One(Warner, 2003) che, con l’entrata di altri musicisti in quella che fino
ad ora era stata quasi totalmente – anche come attitudine – una one man band, segna
un cambiamento inevitabile. Un disco pieno e più suonato, che tratta
per la maggior parte d’amore, con un breve incipit che coverizza i Big Star di I’m In Love With A Girl,
virando verso un pop-soul con elementi orchestrali. La matrice folk si
mantiene, l’elettronica è meno invadente, per un incontro tra umori
B&S e il Donovan più acustico (Tonic), pop suadente (Dance With You), quadretti bucolici (Sweet Summer Morning disturbata però nel finale da un’agitata coda noise-shoegazey), il basso McCartney di Me And My Love, i consueti richiami al nume drakiano (Hold Me Close) e ballate soul tra Van Morrison e tradizione irish (Faster And Faster) (7.0 /10).

il 2004 vede l’approdo di Kittser alla Rough Trade, per la quale realizza The Black And Red Notebook,
raccolta di cover di Beatles, Sonic Youth, R.E.M., J J Cale, Thin
Lizzy, Ivor Cutler, Tools & The Maytals… Non esattamente ordinaria
amministrazione, dato che Kitt fa inevitabilmente sue le canzoni,
rallentandole e possedendole, per esempio spogliando la sonica Teenage Riot della sua carica per lasciarne solo la melodia. Il gioco non riesce sempre, vedi (Don’t Go Back To) Rockville di Stipe & co che perde parte del suo fascino in un synth pop quasi ordinario, mentre And Your Bird Can Singdiventa una straniante ballad con coda ritmica kraut. Risultati alterni
per un disco comunque assai personale, da musicista intelligente qual è
il suo autore. Non solo for fun (6.8/10).

31 gennaio 2007
31 gennaio 2007
Leggi tutto
Precedente
Salute ed efficienza This Heat - Salute ed efficienza
Successivo
Via dal nido Benjy Ferree - Via dal nido

artista

Altre notizie suggerite