Villa Ada – Roma Incontra Il Mondo 2019

Dal 18 giugno al 5 agosto 2019

Precedente
Glastonbury Festival 2019 Glastonbury Festival 2019
Successivo
creativAfrica 2019 (Torino) creativAfrica 2019 (Torino)

Info

Nulla si sa, tutto s’immagina: è con questa doppia citazione, che rimanda all’immaginario di Federico Fellini e Fernando Pessoa, che Villa Ada – Roma incontra il mondo dà il via alla sua XXVI edizione sotto l’egida di Dada srl e ARCI Roma all’interno del programma dell’Estate Romana promosso da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale, in collaborazione con SIAE. Dal 18 giugno al 5 agosto si susseguono senza pausa quarantanove giorni di programmazione nei due palchi della suggestiva cornice di Villa Ada: il Main stage e il Mini Dada, quest’ultimo nell’area a ingresso gratuito dove troverà ampio spazio il dibattito e il confronto con il mondo dell’associazionismo. «Una finestra sul mondo – si legge nel comunicato stampa di presentazione – dedicata ai grandi temi di attualità e costruita attorno a tre fili conduttori: pace, multiculturalità e sostenibilità ambientale. Un festival che quest’anno si delinea con un contorno maturo e sognatore, adulto e visionario, ispirandosi al mondo di uno dei più grandi registi italiani e alle parole del celebre poeta portoghese. Una manifestazione eclettica e trasversale che ribadisce la voglia di dare ascolto a ogni voce e presenta una programmazione artistica capace di alternare ai grandi nomi internazionali i più accreditati artisti italiani e le voci più fresche che hanno saputo raccontare – a volte con ironia, altre con profonda lucidità – la frammentazione di questo tempo. Villa Ada – Roma incontra il mondo si presenta in questa edizione come un punto di partenza verso un futuro mai pronosticabile ma sempre così affascinante, un volano verso la costruzione di un nuovo, possibile altro mondo».

Il programma

A dare il via al festival martedì 18 giugno 2019 il suono unico tra reggae e jazz dei Groundation, la band statunitense capitanata da Harrison Stafford che arriva a Roma per presentare il suo ultimo disco The Next Generation; il 19 giugno sarà la volta della regina della notte M¥SS KETA con PAPRIKA, il suo ultimo – piccantissimo – disco. Giovedì 20 giugno, in occasione della Giornata internazionale del migrante e del rifugiato – #Withrefugees Live, salirà sul palco una leggenda della musica italiana come Nada accompagnata dall’Orchestra dei braccianti, nata da un’idea dell’associazione ambientalista Terra! onlus. Dopo i sold out del tour invernale, venerdì 21 giugno il cantautore e produttore romano Riccardo Sinigallia farà ascoltare i suoi successi più amati insieme ai brani del suo ultimo lavoro Ciao Cuore, eletto miglior disco del 2018 per il ‘Top 2018’. Sabato 22 giugno sarà il giorno del rock’n’roll grintoso dei Giuda e dei tre Winstons Enro, Rob e Linnon (pseudonimi di Enrico Gabrielli, Roberto Dell’Era e Lino Gitto) con il loro recentissimo Smith: più che un disco, una fucilata psichedelica. Domenica 23 giugno arriverà “Into the wild night show”: lo spettacolo itinerante ispirato all’omonimo film di Sean Penn e dedicato alla produzione solista di Eddie Vedder. Lunedì 24 giugno ci sarà Lucio Leoni con uno dei pilastri della scena punk rock alternativa italiana: i Tre allegri ragazzi morti con il loro nuovo disco Sindacato dei sogni; martedì 25 sarà la volta degli ironici, divertenti e impegnati Eugenio in via di gioia; mercoledì 26 salirà sul palco una delle voci più importanti del nuovo cantautorato italiano, Giovanni Truppi, con il suo ultimo album Poesia e civiltà; il 27 giugno arriveranno i Modena City Ramblers con un nuovo e incendiario live set. Il 28 giugno inaugurerà il weekend la superband capitolina Orchestraccia; sabato e domenica godremo di due tributi dedicati ai pilastri della musica italiana: “Caro Faber – Roma canta De Andrè” e “Caro Lucio – Roma canta Battisti”, realizzati in collaborazione con FaceMagazine.it.

A dare il benvenuto a quello che si preannuncia come un caldo luglio penserà lunedì 1 il cantautore più controverso della musica italiana, Giovanni Lindo Ferretti, seguito il 2 dai ritmi sperimentali degli Zu e da quelli afro-beat degli I hate my village, alias Fabio Rondanini alla batteria (Calibro 35, Afterhours), Adriano Viterbini alla chitarra (Bud Spencer Blues Explosion), Alberto Ferrari alla voce (Verdena) e Marco Fasolo (Jennifer Gentle) in cabina di regia. Mercoledì 3 luglio arriveranno dal Mali i Tinariwen, il più famoso, intrigante e ipnotico collettivo blues-rock che il deserto africano abbia mai generato; venerdì 5 luglio sarà la volta degli Otto Ohm, tra i più amati gruppi romani; sabato 6 luglio sarà il turno dei fiorentini Bandabardò. Domenica 7 luglio saliranno insieme sul palco due vere e proprie icone della musica indipendente italiana: i Massimo Volume con l’ultimo album “Il nuotatore” e i Giardini di Mirò con Different Times. L’8 luglio sarà la volta dei Garbage e della voce sensuale di Shirley Manson, tra le band del post grunge e dell’alternative rock più conosciute, a Villa Ada per una delle due uniche date in Italia. Ancora un grande gruppo internazionale come i dEUS il 9 luglio, a 20 anni di distanza da una perla musicale quale The Ideal Crash. Il 10 luglio ascolteremo la voce inconfondibile di Giorgio Poi e l’11 arriveranno gli Hooverphonic: la celebre band belga, 5 dischi di platino e 8 d’oro, porterà dal vivo Looking For Stars, l’album che ha sancito il tanto atteso ritorno sulle scene e l’arrivo della nuova cantante Luka Cruysberghs. Venerdì 12 atterreranno dall’Irlanda i pionieri del post-rock God is an astronaut e in apertura i giapponesi Mono; sabato 13 luglio si mescoleranno lo stile gitano e le sonorità elettroniche dei Caravan Palace; domenica 14 ci sarà l’indie pop-rock dei Canova. Lunedì 15 luglio sarà la volta dei Nouvelle Vague, la band francese che ha conquistato il mondo con cover in chiave bossa nova di classici del punk e della new wave; martedì 16 ci sarà lo spettacolo “Mentre rubavo la vita”: Monica Guerritore e Giovanni Nuti cantano gli appassionati e dolorosi versi della grande Alda Merini. Mercoledì 17 sarà il turno del classic rock selvaggio dei Rival Sons; giovedì 18 vedrà sul palco Madeleine Peyroux, la cantautrice statunitense che sfida i confini del jazz con il nuovo album Anthem; venerdì 19 ci sarà l’energia dei New York ska jazz ensemble e sabato 20 l’irresistibile rap crepuscolare dei Coma_Cose. Lunedì 22 luglio arriverà The Liberation Project, l’incredibile collettivo di musicisti internazionali in cui rientrano anche Phil Manzanera (Roxy Music e Pink Floyd) e N’Faly Kouyate (Afro Celt Sound System e Peter Gabriel), mentre martedì 23 luglio ascolteremo i testi ironici e amari di Clavdio; mercoledì 24, quattordici anni dopo l’ep In the Reins, torneranno a unire le forze Calexico e Iron & Wine, due nomi di culto di quella scena americana sospesa tra folk, country e indie. Venerdì 26 luglio, a dare il via al weekend, penserà l’esplosiva formazione cubana Grupo Compay Segundo de Buena Vista Social Club, a Roma per una delle due uniche date estive in Italia. Sabato 27 il gruppo americano indie rock dei Quasi salirà sul palco con i Finley, la band di Lignano appena tornata con il nuovo disco We Are Finley; domenica 28 i Nu Guinea arriveranno con Nuova Napoli, una delle uscite discografiche più sorprendenti del 2018; il 29 salirà sul palco la celebre ironia dei Latte e i suoi derivati. Martedì 30 godremo della carica di “neapoletan-funky” di James Senese Napoli Centrale, per poi lasciarsi incantare mercoledì 31 luglio da Bohemian Simphony – The Queen Orchestra, le più grandi hit dei Queen interpretate da un ensemble di 40 artisti; il 1 agosto sarà la volta dello scatenato reggae degli Easy Star All-stars.

Come ogni edizione, Villa Ada – Roma incontra il mondo non è solo musica, grazie a un’articolata programmazione nel “D’Ada Park”, l’area a ingresso gratuito del festival. Pace, multiculturalità e sostenibilità ambientale sono le parole d’ordine dell’estate 2019 attraverso il coinvolgimento di alcune prestigiose realtà associative nazionali e capitoline, tra cui Mediterranea – Saving Humans.

Leggi tutto

Altre notizie suggerite