BAFTA 2018. Trionfa “Tre manifesti a Ebbing, Missouri” di Martin McDonagh

Si è svolta ieri sera a Londra la cerimonia di consegna della 71ª edizione dei British Academy Film Awards (meglio noti come BAFTA), che celebrano il meglio del cinema britannico e internazionale.

Si è svolta ieri sera a Londra la cerimonia di consegna della 71ª edizione dei British Academy Film Awards (meglio noti come BAFTA), che celebrano il meglio del cinema britannico e internazionale. A trionfare è stato il favorito, ovvero Tre manifesti a Ebbing, Missouri; il film di Martin McDonagh è stato capace di portare a casa ben cinque statuette (Miglior film, miglior film britannico, miglior sceneggiatura originale, miglior attrice protagonista, miglior attore non protagonista).

Tra i premiati anche Chiamami col tuo nome, con il riconoscimento a James Ivory per la miglior sceneggiatura non originale, mentre Gary Oldman prenota l’Oscar dopo l’ennesimo premio come miglior attore in L’ora più buia e Guillermo del Toro farà altrettanto per la miglior regia (con il suo La forma dell’acqua – The Shape of Water). Nella miglior colonna sonora Alexandre Desplat ha prevalso su Jonny Greenwood, Hans Zimmer, Dario Marianelli e la coppia Zimmer-Benjamin Wallfisch per le sue composizioni in La forma dell’acqua – The Shape of Water.

L’appuntamento è quindi per la Notte degli Oscar il prossimo 4 marzo. Di seguito l’elenco di tutti i premiati ai BAFTA 2018.

– MIGLIOR FILM

Tre Manifesti a Ebbing, Missouri – Graham Broadbent, Pete Czernin e Martin McDonagh

– MIGLIOR REGISTA

Guillermo del Toro – La forma dell’acqua/The Shape of Water

 MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA

Frances McDormand – Tre Manifesti a Ebbing, Missouri

– MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA

Gary Oldman – L’ora più buia

– MIGLIOR FOTOGRAFIA

Blade Runner 2049 – Roger Deakins

 MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE

Tre Manifesti a Ebbing, Missouri – Martin McDonagh

– MIGLIOR SUONO

Dunkirk – Alex Gibson, Richard King, Gregg Landaker, Gary A. Rizzo, Mark Weingarten

– MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

Allison Janney – I, Tonya

– MIGLIOR DEBUTTO PER UNO SCENEGGIATORE, REGISTA O PRODUTTORE INGLESE

I not a witch – Rungano Nyoni (writer/director), Emily Morgan (producer)

– MIGLIORI EFFETTI VISIVI

Blade Runner 2049 – Richard R. Hoover, Paul Lambert, Gerd Nefzer, John Nelson

– MIGLIORI SCENOGRAFIE 

La forma dell’acqua/The Shape of Water – Paul Austerberry, Jeff Melvin, Shane Vieau

 MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

Sam Rockwell – Tre Manifesti a Ebbing, Missouri

– MIGLIOR SCENEGGIATURA ADATTATA

James Ivory – Chiamami col tuo nome

– MIGLIOR FILM NON IN LINGUA INGLESE

The Handmaiden – Park Chan-wook, Syd Lim

– MIGLIOR CORTO INGLESE

Cowboy Dave – Colin O’Toole, Jonas Mortense

– MIGLIOR CORTO ANIMATO INGLESE

Poles apart – Paloma Baeza, Ser En Low

– MIGLIOR DOCUMENTARIO

I’m not your negro – Raoul Peck

– MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE 

Coco – Lee Unkrich, Darla K. Anderson

– MIGLIORI COSTUMI

Il filo nascosto – Mark Bridges

– MIGLIOR TRUCCO E PARRUCCO 

L’ora più buia – David Malinowski, Ivana Primorac, Lucy Sibbick, Kazuhiro Tsuji

– MIGLIOR COLONNA SONORA

La forma dell’acqua/The Shape of Water – Alexandre Desplat

– EE RISING STAR AWARD (Voted for by the public)

Daniel Kaluuya

– MIGLIOR FILM INGLESE

Tre Manifesti a Ebbing, Missouri – Martin McDonagh, Graham Broadbent, Pete Czernin

– CONTRIBUTO INGLESE AL CINEMA

Jon Wardle, National Film and Television School

Tracklist