Beatles, adesso sappiamo chi fu a scrivere “In My Life” (forse)

“Nella mia vita”. Ma la vita di chi, di Paul McCartney o di John Lennon? Uno studio portato a termine da due accademici americani sulla base di un particolare modello statistico afferma che fu il defunto Lennon, e non Macca, come ha sempre sostenuto quest’ultimo, a scrivere la musica di In My Life, brano presente sul disco dei Beatles del 1965 Rubber Soul. In realtà, la paternità del pezzo è sempre stata dibattuta. Ufficialmente è accreditato a entrambi ma negli anni sia l’uno che l’altro ne hanno rivendicato la paternità: Sir Paul sostenendo che solo le parole erano state scritte dal suo compagno di band, mentre la melodia era sua; Lennon rivelando che Macca ne scrisse solo l’effetto e le armonie.

Adesso l’analisi di Mark Glickman, docente di Harvard, e Jason Brown, dell’Università di Dalhousie, sembra dare ragione proprio a Lennon. Con la tecnica della stilometria, molto utilizzata in campo linguistico e forense (per stabilire la paternità di un’opera letteraria così come per riconoscere i serial killer), ma non meno utile anche in ambito musicale, i due professori hanno stabilito che il brano è stilisticamente più ascrivibile alle creazioni del compianto autore di Imagine. I due hanno pensato di scomporre tutte le canzoni della band scritte tra il 1962 e il 1966 prendendo in considerazione cinque differenti set di caratteristiche, come la frequenza con cui compaiono determinati accordi, le transizioni tra accordi più comuni, le note che compongono la melodia principale, e così via. «L’approccio che abbiamo scelto ci ha permesso di convertire una canzone in una serie di dati quantificabili – spiega Glickman – con cui è possibile risalire alla paternità dell’opera».

E la risposta, al termine dell’elaborazione di tutti i dati inseriti, è stata che In My Life sia stata scritta da McCartney con una probabilità del 0,18%, il che equivale a dire che quasi certamente sia scaturita dalla penna di Lennon. Ad ogni modo, Macca avrà l’opportunità di rifarsi a breve, seppur parzialmente. A settembre uscirà il suo nuovo album solista Egypt Station, che quasi certamente non conterrà canzoni all’altezza di In My Life ma sarà di sicuro un bel sentire, a cinque anni dal suo ultimo lavoro in studio. Invece, se vi mancano i Beatles potete rileggervi il nostro bel monografico a cura di Alessandro Pogliani. A seguire, l’ascolto di In My Life.

31 Luglio 2018 di Valerio Di Marco
Leggi tutto
The Beatles – Rubber Soul
Dic
03
1965

The Beatles

The Beatles – Rubber Soul

  • Drive My Car
  • Norwegian Wood (This Bird Has …
  • You Won’t See Me
  • Nowhere Man
  • Think For Yourself
  • The Word
  • Michelle
  • What Goes On
  • Girl
  • I'm Looking Through You
  • In My Life
  • Wait
  • If I Needed Someone
  • Run For Your Life
continua
Precedente
Dall’indie alla cultura enogastronomica, è tempo di Farm Festival Dall’indie alla cultura enogastronomica, è tempo di Farm Festival
Successivo
Netflix: ”La terza stagione di “Stranger Things” nell’estate del 2019” Netflix: ”La terza stagione di “Stranger Things” nell’estate del 2019”

album

recensione

recensione

recensione

recensione

recensione

artista

artista

artista

Altre notizie suggerite