Brett Anderson (Suede) spara a zero sul britpop

Brett Anderson rinnega il britpop. E la cosa avrebbe di per sè dell’incredibile, se si pensa che la band di cui è frontman, i Suede, è considerata dalle enciclopedie della musica come un padrino del genere nato agli albori degli anni ’90. Ma le etichette – si sa – sono dure a morire, e la realtà è molto più varia di quanto si pensi. Non ci credete? Sentite qua: «Ne presi subito le distanze – ha affermato il cantante in un’intervista alla BBC riportata dal New Musical Express parlando appunto del britpop, movimento che nel Regno Unito fu un fenomeno di costume, oltre che musicale – e lo feci appena iniziai a capire che stava diventando una specie di cartone animato infantile e sciovinistico».

Ma non accusatelo di snobismo, il cantante e compositore britannico: «Sembra un atteggiamento snob? Può darsi, ma si fanno un sacco di errori lungo il cammino, non sono perfetto, se capite cosa intendo. Si fanno le cose seguendo l’istinto e quando ho visto cosa stava accadendo al britpop l’ho trovato davvero sgradevole. Era nazionalistico, con una forte componente di misoginia, e non credevo che i Suede dovessero farne parte».

Anderson, però, è voluto tornare sulle accuse mosse a suo tempo agli Oasis, che nei Novanta chiamò «idraulici canterini»: «L’avrò detto 25 anni fa, non intendo commentare o giustificarmi per cose che ho detto così tanto tempo fa».

Su SA trovate tutto lo storico dedicato ai Suede, compresa la recensione dell’ultimo album, The Blue Hour, pubblicato a settembre dello scorso anno.

10 Ottobre 2019 di Valerio Di Marco
Leggi tutto
Suede – The Blue Hour
Set
21
2018

Suede

Suede – The Blue Hour

  • As One
  • Wastelands
  • Mistress
  • Beyond the Outskirts
  • Chalk Circles
  • Cold Hands
  • Life Is Golden
  • Roadkill
  • Tides
  • Don’t Be Afraid If Nobody Lo…
  • Dead Bird
  • All the Wild Places
  • The Invisibles
  • Flytipping
continua
Precedente
Di nuovo all’asta il cardigan indossato (e mai lavato) da Kurt Cobain nel leggendario “MTV Unplugged in New York” Di nuovo all’asta il cardigan indossato (e mai lavato) da Kurt Cobain nel leggendario “MTV Unplugged in New York”
Successivo
Van der Graaf Generator tour 2020. Quattro date italiane Van der Graaf Generator tour 2020. Quattro date italiane

recensione

recensione

recensione

recensione

artista

recensione

Altre notizie suggerite