Dagger Moth. Audio-intervista a Sara Ardizzoni

In occasione del concerto di Sara Ardizzoni aka Dagger Moth previsto per sabato 15 ottobre 2016 al Freakout di Bologna, Afternoon Tunes Radio Città Fujiko in collaborazione con SA, ha fatto due chiacchiere con l'artista

In occasione del concerto di Sara Ardizzoni aka Dagger Moth previsto per sabato 15 ottobre 2016 al Freakout di Bologna, in apertura per Il Sogno del Marinaio, Afternoon Tunes Radio Città Fujiko in collaborazione con SA, ha fatto due chiacchiere con l’artista (audio-intervista di seguito).

L’intervista nasce da un’analisi di Silk Around The Marrow, secondo lavoro di Sara, dove la voce è più presente rispetto al precedente Dagger Moth, che ruotava più attorno alla chitarra: «Ritengo la voce pari con gli altri strumenti, ho cercato quindi di amalgamarla alla chitarra senza che la sovrastasse». L’artista ha poi paragonato i suoi due lavori: «Dagger Moth è un disco più variegato, ho lasciato spazio all’immaginazione, ed è stato una trasposizione di quello che facevo dal vivo. In Silk Around The Marrow sono partita da un’idea di una particolare atmosfera e ho fatto prima il disco per adattarlo al live».

In Event Horizon, ultima traccia dell’album, ritroviamo l’atmosfera di Dagger Moth, con assoli visionari che ci riportano al primo lavoro e una parte recitata da Marc Ribot: «Ho chiesto a Marc di aggiungere delle voci e non delle chitarre, una cosa più originale rispetto al solito assolo di chitarra per cui tutti lo conoscono e lo chiamano»L’intervista si conclude con le influenze raccolte da un viaggio in Islanda e tradotte in sonorità: «l’idea di essere in un punto in cui finisce il pianeta e dove la natura ti sovrasta e ti senti in balia di essa, mi ha portato a scrivere DyrhÓlaey».

Tracklist