Dall’indie alla cultura enogastronomica, è tempo di Farm Festival

Le nuove espressioni della musica indie e della club culture, la danza, le arti visive e la cultura enogastronomica. A Castellana Grotte, in Puglia, torna il Farm Festival organizzato da I Make di Putignano e dalla Piccola Bottega Popolare di Alberobello. Il 6 e 7 agosto la splendida Masseria Papaperta si farà teatro di un’articolata esperienza sensoriale che avrà un focus sul cibo il 30 e 31 luglio nell’Aia Piccola di Alberobello. A Castellana Grotte sono attesi ospiti internazionali, a partire dal dj cileno (di stanza in Germania) Matias Aguayo, mago dell’elettronica e noto per la sue capacità ritmico-vocali dietro la consolle. In programma anche il concerto dei Toy, il quintetto inglese di Tom Dougall, Dominic O’Dair, Maxim “Panda” Barron, Charlie Salvidge e Alejandra Diaz che mescola psichedelica, krautrock, indierock e shoegaze. Di scena, inoltre, Gigante, il bassista dei Moustache Prawn, tra i gruppi di punta dell’alternative rock, e il cantautore Francesco De Leo con il suo progetto dream-pop «La Malanoche». E, ancora, Ainè, una delle punte di diamante del nu-soul made in Italy, e due voci originali della scena hip hop italiana, la rapper mascherata Myss Keta e il cantante di rap Pepp Oh. Spazio anche agli artisti pugliesi, la cantautrice salentina Lucia Manca, il trombonista barese Michele Marzella, con le sue escursioni tra jazz e world music, i brindisini Wamboo P, vale a dire il duo di percussionisti – tra Oriente e Occidente – composto da Valentino Fanizza e Leo Cofano, e dj Tuppi, fondatore dei Pooglia Tribe, lo storico collettivo barese di hip hop. A completare il quadro sonoro, il dj set di Antistandard, evento di chiusura dell’intera manifestazione dopo la mezzanotte del 7 agosto.

Le creazioni di alcuni importanti esponenti della visual art accompagneranno i percorsi musicali della due giorni di Castellana Grotte. Tra le pietre secolari della Masseria Papaperta, il 6 e 7 agosto Vito Capozza creerà delle opere in ferro dal grande impatto scenico e simbolico durante una performance intitolata «The Look Towards the Light» a cura di Fatti di China, collettivo di sei artisti che a sua volta il 6 agosto produrrà opere uniche su superfici diverse. Inoltre, per due giorni la Masseria Papaperta sarà colorata a animata dalle installazioni video di Raffaele Fiorella e ospiterà la mostra fotografica di Valentina Ladogana ispirata al mondo pittorico di Leonardo Da Vinci, Jan Van Eyck e Rembrandt. Si starà con il naso all’insù per ammirare le danze aeree della Compagnia Eleina D e le spettacolari evoluzioni sospese coreografate da Vito Cassano e Claudia Cavalli, mentre in un’area più appartata della masseria, chi vorrà fare Skywatching guarderà sempre verso l’alto, ma per ammirare le stelle, a occhio nudo e con i telescopi. E, ancora, artigianato e creazioni vintage dei nuovi creativi pugliesi e proposte enogastronomiche, anche di piatti vegetariani e vegani, birre artigianali, drink, cocktail e degustazioni di vini, con grande attenzione alle tipicità regionali.

Proprio l’enogastronomia sarà protagonista di Farm Food, il focus cibo del Farm Festival previsto il 30 e 31 luglio nell’Aia Piccola di Alberobello, dove la programmazione è stata pensata in funzione dell’Anno del Cibo Italiano e della dieta mediterranea riconosciuta dall’Unesco. Oltre ad un’area mercato, con un’ampia sezione sulla biodiversità, sono previste esposizioni artistiche di Pasquale Ladogana e Maria Grazia Carriero dedicate rispettivamente a due simboli della terra di Puglia, gli ulivi e la pasta, l’installazione «Meduse» di Fatti di China, degustazioni di pietanze vegetariane e la creazione di un piatto speciale preparato da Gianvito Matarrese utilizzando prodotti italiani al 100%. E sempre ai temi della gastronomia e delle tipicità locali saranno ispirati lo spettacolo «Pane nostro» di Dino Parrotta e Francesco Casareale, la performance di danza contemporanea «Olio vivo» della Compagnia Eleina D, il concerto dell’artista di strada e artigiano Porcapizza, al secolo Massimo Tortella, e lo show di «Cucina narrativa» di Nick Difino.

31 Luglio 2018 di Luigi Lupo
Leggi tutto
Precedente
Anna Calvi condivide l’umbratile title track dell’album “Hunter” Anna Calvi condivide l’umbratile title track dell’album “Hunter”
Successivo
Beatles, adesso sappiamo chi fu a scrivere “In My Life” (forse) Beatles, adesso sappiamo chi fu a scrivere “In My Life” (forse)

artista

artista

artista

artista

recensione

Matias Aguayo

Support Alien Invasion

album

Altre notizie suggerite