Dylan Dog reboot. Dal 30 gennaio in edicola “L’Alba Nera”, numero 401 e primo capitolo dell’“Era Recchioni”

Il 30 gennaio 2020 inizia l'“era Recchioni”. 6 albi marchiati 666 daranno un “nuovo inizio” alle avventure di Old Boy (e del suo nuovo assistente)

A distanza di un mese dal clamore suscitato dal capitolo conclusivo del ciclo della meteora, il 30 gennaio 2020 Dylan Dog torna in edicola con L’Alba Nera, primo fumetto di una nuova era dell’indagatore dell’incubo ideato da Tiziano Sclavi e ora in mano a Roberto Recchioni.

Composta da 6 albi marchiati 666 – dal 401 al 406 – scritti e sceneggiati da Recchioni con i disegni di Corrado Roi, quella che è stata descritta come una “miniserie nella serie” rappresenterà un vero e proprio reboot dello storico fumetto di Sergio Bonelli Editore, o meglio, nelle parole dell’autore, intervistato in queste ore da Skytg24, di «un ritorno alle origini per guardare al futuro, per tornare a emozionare e stupire».

Posted by Roberto Recchioni on Wednesday, January 22, 2020

Rivedremo Old Boy, rinnovato nelle caratteristiche e nel look, affiancato da un nuovo assistente silenzioso al servizio di una cliente di nome Sybil Browning, ovvero si tornerà, con l’espediente del “nuovo inizio narrativo” à la Marvel, a L’alba dei Morti Viventi, primissimo numero di Dylan Dog pubblicato nel 1986, scritto da Tiziano Sclavi e illustrato da Angelo Stano (con copertina di Claudio Villa).

«Se non lo hai mai letto, puoi iniziare da zero – rimarca il fumettista a SkyTg24 – se sei un fan di vecchia data, puoi continuare senza problemi. Il nuovo Dylan andrà svelandosi pian piano, in alcune cose sarà il solito Dyd, in altre sarà diverso… …in Bonelli hai due tipi di DNA – continua – quello alla Tex, dove hai tutte le risposte (personaggio fedele a sé stesso) o alla Dylan, dove hai tutte le domande (restare fedeli a sé stessi equivale a fare domande e destabilizzare).

Di seguito la copertina illustrata da Gigi Cavenago del numero 401, in cui accanto all’ora barbuto Old Boy troviamo il nuovo assistente Gnaghi (lo stesso nome dell’aiutante di Francesco Dellamorte, protagonista del romanzo di Tiziano Sclavi Dellamorte Dellamore trasposto in film da Michele Soavi nel 1994) e l’anteprima della 402.

Sempre a proposito del mondo legato a Dylan Dog: in estate l’indagatore dell’incubo sarà protagonista del crossover con Batman nell’ambito di un più vasto rapporto tra Bonelli e DC Comics. Il fumetto uscirà anche in USA e, in generale, nei Paesi dove vengono distribuiti i fumetti di Bonelli e DC. I disegni saranno di dell’Edera e Cavenago. E la serie tv prodotta da James Wan per Bonelli Entertainment? Non pare ci siano novità rispetto a quanto è trapelato lo scorso anno. Sappiamo che si svilupperà in formato live-action per un totale di 10 episodi con Vincenzo Sarno (Bonelli) e Giovanni Cova (QMI) come produttori esecutivi.

Tracklist