Gazzelle, presentazione di “Destri” via Facebook (2020)

Gazzelle non si muove dalla comfort zone, “Destri” è già fuori tempo massimo

Il brano sembra arrivato solo per timbrare l'invisibile cartellino di presenza sulle piattaforme streaming.

A quasi un anno dalla pubblicazione del suo ultimo album, Post Punk, Gazzelle torna con un nuovo singolo. Intitolato Destri, viene pubblicato il 25 settembre su tutti gli store digitali e già dopo il primo ascolto è chiaro che il target del cantautore di scuola romana non si è spostato di un millimetro, anzi il brano sembra arrivato solo per timbrare l’invisibile cartellino di presenza sulle piattaforme streaming, dove se sparisci per più di qualche mese è come se non fossi mai esistito.

È sempre una sensazione strana quando esce una canzone nuova.. quando un pezzo di me si stacca e arriva un po’ ovunque. Boh, difficile da spiegare. Spero solo che questo ennesimo pezzo di me possa trovare qualche pezzo di voi e che si facciano compagnia un po’, insieme

Con queste parole tra il banale e l’ovvio, l’autore presenta il brano. E anche andando a spulciare il testo non ci si trova davanti a nessuna sorpresa: il pop italiano radiofonico è fermo all’età della pietra, tanto che anche sentendolo di sfuggita potremmo scambiarlo per il solito lamento alla Zero Assoluto o, dio-ce-ne-scampi, alla Gemelli diversi (ma qualcuno se li ricorda?). Un pop già fuori tempo massimo ancora prima di premere su Play. Sogni d’amore infranti e malinconia spicciola gli ingredienti fondamentali, più qualche immaginetta di stampo adolescenziale, fate voi:

Te l’ho già detto una volta, mi ricordavi il mare
le luci di Natale, gli schiaffi sul sedere e lo spazzolino uguale
la Panda manuale bruciare in una notte come una cattedrale

Tracklist