Gli album più venduti nel 2016 nel mondo – primi sei mesi

Per il momento sembra che nessuno sia in grado di contrastare il dominio di 25 di Adele (3.426.000 copie nel 2016, 18.396.000 in tutto). I diretti concorrenti stanno ad un milione e mezzo di esemplari di distanza: lo splendido Blackstar di David Bowie inizia ad arrancare (1.820.000 copie), superato da Lemonade di Beyoncé (1.923.000 copie) e Views di Drake (1.864.000 copie), due dischi che stanno scalando posizioni quasi in modo parallelo. I numeri della carriera solista di Beyoncé sono i seguenti: Beyoncé circa 4 milioni di copie, 4 poco meno di 3 milioni, I Am… Sasha Fierce 7 milioni, B’Day 6,5 milioni, mentre l’esordio Dangerously in Love è attorno a quota 10 milioni. Views di Drake ha già superato le vendite di If You’re Reading This… (circa 1,6 milioni) ed è sulla buona strada per rivaleggiare sia con Take Care (circa 2,6 milioni di copie), sia con Nothing Was The Same (2,3 milioni di copie).

Poco dietro, in quinta posizione, Purpose di Justin Bieber (1.770.000 copie quest’anno ma ben 4.732.000 in tutto). Sopra al milione di copie anche ANTI di Rihanna (1.091.000 copie) e A Head Full Of Dreams dei Coldplay (1.365.000copie, 3.178.000 totali), ormai destinato a superare quelle del suo predecessore Ghost Stories. Tra i dieci dischi più venduti dell’anno troviamo anche Blurryface dei Twenty One Pilots (774.000 copie, 1.420.000 totali).

Come approfondito all’interno dell’apposita news, piuttosto buone le vendite iniziali di A Moon Shaped Pool dei Radiohead (629.000 copie). Difficile fare confronti sia con i loro dischi più recenti – per motivi di tracciabilità delle vendite (pare che la versione fisica di In Rainbows stia attorno a quota 2 milioni di copie vendute) – sia con i grandi classici per motivi di disomogeneità di mercato. In ogni caso, Hail To The Thief e Amnesiac hanno venduto circa 3,5 milioni di copie a testa, Kid A oltre 4,5 milioni, OK Computer circa 9 milioni da quando è uscito, The Bends 5,5 milioni e Pablo Honey 4,5 milioni.

Per i Red Hot Chili Peppers sembrano invece lontani i fasti multi-platinati del periodo 1990-2010 (durante il quale sono stati costantemente tra i cinque gruppi di maggior successo a livello globale). Per The Getaway una partenza non eccezionale (342.000 copie) e inferiore alla prima settimana del semi-fallimentare I’m With You (594.000 copie). I’m With You è infatti di gran lunga l’album meno venduto del post-Mother’s Milk con una cifra che ruota attorno a quota 2 milioni di copie. Il precedente Stadium Arcadium debuttò con 1.108.000 copie (record per i californiani) e ad oggi ha totalizzato circa 8 milioni di copie, By The Way è fermo a poco meno di 10 milioni, mentre il quasi contemporaneo Greatest Hits (nonché loro long-seller) si sta avvicinando a quota 8 milioni. Il più venduto dei californiani rimane Californication (circa 16 milioni di copie), l’album del boom internazionale e del rientro di Frusciante dopo la parentesi Navarro (One Hot Minute, 6 milioni di copie). Blood Sugar Sex Magik, il capolavoro della band, ha invece venduto circa 14,5 milioni di copie.

Se nell’update dei primi tre mesi era tangibile l’effetto sulle vendite della morte di David Bowie, questa volta constatiamo un effetto similare (ed enorme in USA) per Prince: il Best Of ha venduto poco meno di un milione di copie in poche settimane, mentre il bestseller Purple Rain ha già totalizzato oltre mezzo milione di copie (il totale si aggira sopra a quota 21 milioni).

Top 20
album_piu_venduti_2016_6_1

album_piu_venduti_2016_6_2

Altri Album
album_piu_venduti_2016_6_3

album_piu_venduti_2016_6_4

album_piu_venduti_2016_6_5

 

USA
La vera notizia è che 25 di Adele (1.386 copie, 8.827.000 totali) con ogni probabilità non sarà l’album più venduto dell’anno negli States: troppo rapido l’avvicinamento di Views (1.288.000) e Lemonade (1.177.000). Se guardiamo agli album pubblicati quest’anno, tra i dieci più venduti (insieme a due album di Prince) troviamo Anti di Rihanna (472.000 copie) e Blackstar di David Bowie (426.000). Tra la decima e la ventesima posizione ci sono tre album non esattamente commerciali: Islah di Kevin Gates (302.000 copie), A Moon Shaped Pool dei Radiohead (275.000 copie) e Untitled Unmastered di Kendrick Lamar (243.000 copie).

– prime settimane –

Drake – Views 852.000
Beyoncé – Lemonade 485.000
Radiohead – A Moon Shaped Pool 173.000
Panic! At The Disco – Death Of A Bachelor 169.000
David Bowie – Blackstar 174.000
Kendrick Lamar – Untitled Unmastered 142.000
Ariana Grande – Dangerous Woman 129.000
Red Hot Chili Peppers – The Getaway – 108.000
The Lumineers – Cleopatra 108.000
Future – Evol 100.000
The 1975 – I Love It When You Sleep… 98.000
Kevin Gates – Islah 93.000
Deftones – Gore 68.600
SIA – This Is Acting 68.000
Sturgill Simpson – A Sailor’s Guide To Earth 52.500
Megadeth – Dystopia 48.000
Weezer – Weezer 45.000
Dream Theater – Astonishing 30.000
Iggy Pop – Post Pop Depression 18.064
Explosions in The Sky – Wilderness 15.600
Aesop Rock – Impossible Kid 15.500
M83 – Junk 10.800
Animal Collective – Painting With 10.300
Modern Baseball – Holy Ghost 9.900
James Blake – The Colour In Anything 9.200
PJ Harvey – The Hope Six Demolition Project 9.000
Jayhawks – Paging Mr.Proust 8.500
DIIV – Is The Is Are 7.400
Bob Mould – Patch The Sky 7.200
Last Shadow Puppets – Everything You’ve Come To Expect 7.000
Daughter – Not To Disappear 6.800
Lucius – Good Grief  5.800
Savages – Adore Life 5.700
Wet – Don’t You 5.500
ANOHNI – Hopelessness 5.500
Parquet Courts – Human Performance 5.300
The Strumbellas – The Hope 5.200
Nothing – Tired Of Tomorrow 5.000
Ty Segall – Emotional Mugger 4.600
Wild Nothing – Life On Pause 4.100
Jack Garratt – Phase 3.600
Car Seat Headrest – Teen of Denial 3.400
Bloc Party – Hymns 3.300
AURORA – All My Demons Greeting Me As A Friend 3.300

UK
Ai vertici pochi i movimenti rispetto all’aggiornamento del primo trimestre, con 25 di Adele che continua a vendere più che discretamente ed ha raggiunto quota 498.000 copie (2.994.000 complessive). Dietro abbiamo Blackstar di Bowie (362.000 copie) e Purpose di Justin Bieber (349.000 copie, 993.000 totali). Tra i reduci del 2015 sembrano promettere longevità gli album di Jess Glynne (252.000 nel 2016, 835.000 in totale) e dei Coldplay (268.000 copie, 775.000 complessive). Tra gli album pubblicati nel 2016, a parte Blackstar, anche in UK i due nomi di riferimento sono Beyoncé e Drake (rispettivamente 240.000 e 201.000 copie).

Dopo una partenza non esaltante rispetto all’album precedente, procede piuttosto bene This is Acting di SIA (153.000 copie) avvicinandosi molto lentamente ai risultati di 1000 Forms of Fear (312.000 copie), mentre al contrario, dopo una prima settimana di grande impatto, sta faticando sulla lunga durata I Like It When You Sleep… dei The 1975 (129.000 le copie al momento). Sempre per quanto riguarda le uscite del 2016 ancora sotto media le cifre di Anti di Rihanna (120.000 copie), mentre sono buoni i riscontri per Skepta (64.000 copie).

Bene i Radiohead (118.000  copie), che nella settimana della re-relase fisica hanno superato (44.000 le copie) addirittura l’esordio dei Red Hot Chili Peppers (40.000). Per i Red Hot Chili Peppers una prima settimana inferiore a quella di I’m With You (72.000) e lontanissima da quelle fatte registrare da Stadium Arcadium (202.000) e da By The Way (134.000), l’album ad oggi più venduto in Inghilterra per i Californiani con circa 2 milioni di copie. Prevedibilmente sostanziose ma ugualmente sorpendenti (considerata la proposta anonima e derivativa della band) le vendite dei Catfish and the Bottlemen, in pratica la band di tipico indie-rock inglese di maggior successo degli ultimi anni (il precedente The Balcony ha superato le 250.000 copie in patria). Per il secondo album The Ride, 59.000 copie per il momento (di cui 38.000 nella prima settimana).

Resistono inoltre alcuni dei best seller dell’ultimo lustro, con X di Ed Sheeran che ha venduto 145.000 copie (2.806.000 in totale), 1989 di Taylor Swift capace di registrare altre 93.000 copie  (1.053.000 complessive) e In The Lonely Hour di Sam Smith con altre 78.000 copie (2.220.000 il totale).

– prime settimane –

David Bowie – Blackstar 146.000
Drake – Views 78.400
Beyonce – Lemonade 73.390
The 1975 – I Love It When You Sleep… 58.380
Radiohead – A Moon Shaped Pool 50.540
Red Hot Chili Peppers – The Getaway 40.070
Catfish & The Bottlemen – The Ride 38.100
Skepta – Konnichiwa 35.560
The Last Shadow Puppets – Everything You’ve Come To Expect 30.800
SIA – This Is Acting 27.680
Panic! At The Disco – Death Of A Bachelor 26.390
Rihanna – ANTI 20.140
Tom Odell – Wrong Crowd 19.980
Ariana Grande – Dangerous Woman 19.580
Pet Shop Boys – Super 16.950
Jack Garratt – Phase 18.200
Richard Ashcroft – These People – 17.970
James – Girl At The End Of The World 16.320 (di cui 549 in cassetta)
Jake Bugg – On My One 16.080
Suede Night – Thoughts 12.300
Kendrick Lamar – Untitled Unmastered 12.110
PJ Harvey – The Hope Six Demolition Project 11.440
The Lumineers – Cleopatra 10.900
Travis – Everything At Once 10.700
Iggy Pop – Post Pop Depression 9.300
Deftones – Gore 8.800
Dream Theater – The Astonishing 7.620
The Coral – Distance Inbetween 7.590
Daughter – Not To Disappear 7.530
Bloc Party – Hymn 7.172
Underworld – Barbara, Barbara… 7.000
Primal Scream – Chaosmosis 5.900
Savages – Adore Life 5.500
James Blake – The Colour In Anything 5.370
Garbage – Strange Little Birds 5.290
Mogwai – Atomic 4.250
ANOHNI – Hopelessness 3.980
Mystery Jets – Curve Of The Earth 3.930
Turin Brakes – Lost Property 3.910
Weezer – Weezer (White Album) 3.750
Coasts – Coasts 3.700
Flume – Skin 3.700
Field Music – Commontime  3.240
DMA’s – Hills End 3.300
AURORA – All My Demons Greeting Me As A Friend 2.910
Kula Shaker K 2.0 2.860
KAYTRANADA – 99,9% 2.830
Band Of Horses – Why Are You OK  2.810
Hinds – Leave Me Alone 2.700
M83 – Junk 2.680
School Of Seven Bells – SVIIB 2.240
Explosions – In The Sky The Wilderness 2.240
Animal Collective – Painting With 2.060
Fat White Family  – Songs For Our Mothers 2.020
Tindersticks – The Waiting Room 1.840
Swans – The Glowing Man 1.740
Moderat – III 1.730
Parquet Courts – Human Performance 1.720
Minor Victories – Minor Victories 1.690
Teleman – Brilliant Sanity 1.670
Villagers – Where Have You Been All My Life 1.260

Italia
Le cifre degli album più venduti in questi primi sei mesi sono nettamente inferiori a quelle registrate dagli album più venduti nel primo semestre del 2015: ancora nessun disco ha superato quota 100.000 copie, il più vicino (Vivere a Colori di Alessandra Amoroso) è a poco meno di 90.000 copie. Dietro, a debita distanza, abbiamo Capitani Coraggiosi (la collaborazione da Morandi e Baglioni…), Blackstar e 25. Il risultato meno scontato di questa prima parte dell’anno è certamente il 5° posto di Salmo (quasi 60.000 copie per Hellvisback). Inferiori agli standard le vendite di Zucchero e Renato Zero (ancora sotto quota 50.000 copie).

FONTI:

  • Dati Mondiali : Top 20 stilata da www.mediatraffic.de, gli altri album da www.mediatraffic.de se presenti, altrimenti stimati utilizzando le diverse fonti disponibili online tra cui le sottostanti
  • Dati USA: cifre Soundscan/Billboard arrotondate. Dati ricavati da www.ukmix.org
  • Dati UK: cifre OCC/Music Week arrotondate. Dati ricavati da www.ukmix.org e Haven Forum
  • Dati Francia: Dati ricavati da www.chartsinfrance.net
  • Dati Italia: stime
  • Dati Spotify: Spotify. La Spotify AVG è la media armonica dei plays delle singole tracce dell’album, escluse le due più ascoltate.
1 Luglio 2016 di Riccardo Zagaglia
TAG
Precedente
UNALTROFESTIVAL 2016 quattro nuovi nomi aggiunti in line up UNALTROFESTIVAL 2016 quattro nuovi nomi aggiunti in line up
Successivo
“Death Note”. Netflix annuncia l’inizio delle riprese del film “Death Note”. Netflix annuncia l’inizio delle riprese del film

Altre notizie suggerite