Madonna, foto di Deborah Feingold (80s)

Madonna dirigerà il biopic sulla sua vita. Diablo Cody coinvolta nella sceneggiatura

Madonna sarà regista e co-sceneggiatrice del suo biopic. Accanto a lei il premio Oscar Diablo Cody, curatrice dello script di “Juno”

Al contrario di Bohemian Rhapsody e Rocketman, per i quali il coinvolgimento dei rispettivi protagonisti si è legato alla consulenza creativa e alle linee guida generali, il biopic di Madonna, del quale abbiamo avuto indizi e indiscrezioni dai suoi stessi canali social, vedrà la stessa popstar in prima linea.

Forse per la prima volta da quando si parla di uno dei formati per il cinema e la tv (vedi Dirt dei Motley Crue) che è andato per la maggiore negli ultimi anni – ovvero quello della storia romanzata di icone della musica popolare del ‘900 – avremo la stessa protagonista nel ruolo di regista e di co-sceneggiatrice. Accanto a Madonna Louise Veronica Ciccone, a stendere la sceneggiatura c’è il premio Oscar classe ’78 Brook Busey, in arte, Diablo Cody, ovvero colei che ha curato lo script del film indipendente Juno di Jason Reitman. Il film non ha ancora un titolo, né un cast definito o noto, ma dietro al progetto c’è Universal Pictures nelle figure di Donna Langley e Amy Pascal (già al lavoro con la popstar per Ragazze vincenti / A League of Their Own), con Sara Zambreno e Guy Oseary nel ruolo di produttori esecutivi e Erik Baiers e Lexi Barta in quello di consulenti, scrive Variety.

In questi mesi di pandemia Madonna ha abbracciato teorie cospirative sul vaccino e dichiarato di aver sviluppato gli anticorpi del Coronavirus. Il suo desiderio di fare un lungo viaggio in macchina in cui respirare …«l’aria del Covid 19», assieme ad altre infelici uscite, le hanno procurato pesanti critiche e attacchi anche da parte di colleghe, tra cui Annie Lennox.

L’ultimo album della cantante di origini italiane, Madame X, non è andato benissimo. Dopo il debutto al primo posto nella classifica USA è uscito dalla chart già nella terza settimana dettando la peggior performance in questo senso per una sua uscita discografica. Al netto della stampa mainstream che ne ha parlato in termini positivi, anche la critica non è stata favorevole. La nostra recensione è firmata da Marco Braggion.

Tracklist