Migliori album 2019. La classifica di Edoardo Bridda

Personali Award divisi per categorie, anche e soprattutto fantasiose, presentate così (e in rigoroso ordine sparso) al solo fine di metter in risalto particolari caratteristiche che di questi dischi mi hanno colpito.

Quest’anno avrei voluto stilare una lista non gerarchica. 20 dischi senza ordine particolare, proprio come i 50 che faranno parte della consueta selezione di fine anno di SA. I propositi erano quelli e avrei voluto radicalizzare il tutto presentandola senza introduzione. Giusto i titoli perché le chiacchiere sulle classifiche, dopo così tante classifiche passate in rassegna, stanno a zero. Poi mi sono convinto altrimenti e ho optato per venti dischi ordinati con podio e tutto. Li ho selezionati secondo un mix di ragioni emotive e/o puramente di impatto sonoro, di ritmo, metrica e flow, dunque secondo eterogenee angolazioni e urgenze. E il tutto è venuto più facile immaginando quel che troverete alla fine: personali Award divisi per categorie, anche e soprattutto fantasiose, presentate così (e in rigoroso ordine sparso) al solo fine di metter in risalto particolari caratteristiche che di questi dischi mi hanno colpito dando viceversa a chi legge una suggestione per entrarci.

Poi, come sempre, quel che cerco di premiare in qualsiasi lista numerata o meno è quanto l’autore o l’autrice ci abbia messo del suo e, allo stesso tempo, quanto scarto abbia saputo imprimere tra sé e il genere/i con cui ha scelto di cimentarsi. In questo senso, il disco di Loraine James è uno di quelli che mi ha fatto esclamare finalmente! È musica figlia dei palazzoni che si vedono nella copertina del suo disco e, al tempo stesso, musica che esprime un percorso biografico particolare, o meglio, uno specifico sentimento che trova espressione e ragione d’essere all’interno di un surrounding altrettanto demarcato. Lo stesso discorso vale per Oli XL, con entrambe a possedere questo peculiare e magnetico fascino nel piegare a piacimento i bastioni del hardcore continuum.

D’altro canto, più che la magia è l’enigma a catturarmi, ovvero quel circoscritto spazio d’interrogativi che si crea tra ascolto e suono. In lista, Laurel Halo è la Regina in questo senso, Panda Bear il Re. Poi ci sono scelte in cui a prevalere sono state ragioni prettamente estetiche: Jenny Hval in primo luogo, These New Puritans subito dopo e naturalmente nel trittico non poteva mancare Apparat, il cugino mitteleuropeo di Thom Yorke, alla ricerca di una personale e chimerica Berlin Beauty. Mi fermo qui, il resto dei ragionamenti li trovate ai link, navigando tra le recensioni.

  1. Loraine JamesFor You and I
  2. LogosImperial Flood
  3. UltramarineSignals Into Space
  4. Jenny HvalThe Practice of Love
  5. slowthaiNothing Great About Britain
  6. These New PuritansInside The Rose
  7. 808 StateTransmission Suite
  8. FKA TwigsMagdalene
  9. Lee GambleExhaust
  10. Oli XLRogue Intruder, Soul Enhancer Bloom
  11. FenneszAgora
  12. Laurel HaloDj Kicks
  13. ApparatLP5
  14. Panda BearBuoys
  15. Aldous HardingDesigner
  16. Vampire WeekendFather of the Bride
  17. Helado NegroThis Is How You Smile
  18. dTHEdhyperbeatz vol. 1
  19. Freddie Gibbs, MadlibBandana
  20. LeifLoom Dream

 

Best soul / r’n’b rising

Velvet Negroni – NEON BROWN

Best rave’n’punk

Pelada – Movimiento Para Cambio

Best folk

Big Thief – Two Hands

Best Jam

Underworld – Drift Series 1

Best jazz/dub house

Move DBuilding Bridges

Best songwriting

Bill CallahanShepherd In A Sheepskin Vest

Best pressure

Zonal – Wrecked

Best (third) world (global) ghetto

Duke – Uingizaji Hewa

Best ambient 5th worlds

Andrew Pekler – Sounds From Phantom Islands

Best art-Hip Hop

Tyler the CreatorIgor

Best avant-Hip Hop

JPEGMAFIA – All My Heroes Are Cornballs

Best spoken word

Nick Cave & The Bad Seeds – Ghosteen

Kate Tempest – The Book Of Traps And Lessons

best 80s

Drab Majesty – Modern Mirror

best post-punk

Fontaines D.C. – Dogrel

Best (trap)emo

Wicca Phase Springs Eternal – Suffer On

Best (queer) country

Orville Peck – Pony

Best rave nostalgia

Octo OctaResonant Body

Best forest techno

ShedOderbruch

Best HD

Helm – Chemical Flowers

Best noise sculpture

Shapednoise – Aesthesis

Best beat science
Basic Rhythm – On The Threshold

Best post-Pc Music pop

Better Pc Music weird trap

100 Gecs1000 Gecs

Best orgue à tuyaux mystique

Kali MaloneThe Sacrificial Code

Boomer’s best soul

 
Tracklist