Morto Peter Green. Il co-fondatore dei Fleetwood Mac aveva 73 anni

Co-fondatore dei Fleetwood Mac, Peter Green è morto nel sonno a 73 anni

Peter Green, co-fondatore e chitarrista dei Fleetwood Mac, è morto nel sonno, ieri 25 luglio, all’età di 73 anni. A comunicarlo è stata la stessa famiglia del musicista, che ha inoltre fatto sapere che farà seguito una seconda dichiarazione nei prossimi giorni.

Fondamentale per la sua impronta sonora nei primi anni d’attività, Green aveva fondato la band assieme a Mick Fleetwood, Jeremy Spencer e John McVie nel 1967 per poi lasciarla tre anni più tardi, nel 1970, a causa di disturbi mentali (in seguito diagnosticati come schizofrenia). Sua la firma di alcune hit di quel periodo, come la strumentale Albatross, Black Magic Woman del 1968 (diventato poi un classico nel repertorio di Santana) e i fortunati singoli del 1969 Oh Well e Man of the World. Per i suoi contributi, il chitarrista è stato inoltre incluso assieme agli altri 7 membri delle diverse formazioni del gruppo (che oltre ai sopracitati annoverava Stevie Nicks, Lindsey Buckingham, Christine McVie, Danny Kirwan) nella Rock and Roll Hall of Fame nel 1998.

All’inizio dell’anno, Mick Fleetwood ha tenuto un concerto tributo, assieme a David Gilmour, Billy Gibbons dei ZZ Top e tanti altri, in onore di Green e di quei primi anni accompagnandolo con queste parole: «il concerto è una celebrazione di quegli esordi caratterizzati dal blues, dal quale tutti proveniamo».

A gennaio, sempre Fleetwood, aveva dichiarato che le porte della band per Lindsey Buckingham erano definitivamente chiuse. Su SA trovate la recensione di Extended Play, l’EP di quattro brani pubblicato nel 2013, firmata da Marco Boscolo.

Tracklist