Marcus Mumford in uno still dallo streaming di Rock in Werchter del 2018

Anche i Mumford & Sons si cimentano con “Hurt” dei Nine Inch Nails

La cover è accompagnata dalla pubblicazione di un videoclip realizzato durante un concerto al Rock in Werchter nel 2018

Nella lunga lista delle canzoni più reinterpretate di sempre, un posto d’onore spetta senz’altro a Hurt dei Nine Inch Nails. Il pezzo contenuto nel loro secondo disco The Downward Spiral ha ricevuto nuova linfa grazie alla leggendaria cover di Johnny Cash. Proprio questa, in effetti, è stata la prima tessera di un domino di artisti che si sono cimentati con il brano. Gli ultimi in ordine cronologico sono i Mumford & Sons di Marcus Mumford, che ne hanno diffusa la loro versione registrata dal vivo al Rock in Werchter 2019, includendola nell’EP Delta Livedi recentissima pubblicazione.

La cover arriva accompagnata anche da un video (in un bianco e nero drammatico quanto basta) che testimonia la performance, corredata da un crescendo che culmina in un assolo di banjo elettrico. La trovate qui sotto.

Di ben altro tenore, non soltanto nel mood (più intimo) ma soprattutto negli intenti, la versione di Hurt realizzata poco più di un mese fa da Sharon Van Etten, che puntava a sostenere un’organizzazione che si occupa di prevenzione dei suicidi e di salute mentale.

Su SA potete recuperare la recensione dell’ultimo lavoro in studio di Mumford e soci, Delta, così come quelle dei precedenti dischi, disponibili nella sezione discografia della pagina a loro dedicata.

Tracklist