Nils Frahm e Woodkid insieme a Robert De Niro per un mini-album sulla crisi dei rifugiati

Nils Frahm e Woodkid si preparano a distribuire un nuovo mini-album ispirato all’attuale crisi dei rifugiati, e che conterrà la voce di Robert De Niro

Nils Frahm e Woodkid si preparano a distribuire un nuovo mini-album ispirato all’attuale crisi dei rifugiati, e che conterrà la voce di Robert De Niro, i cui proventi andranno all’associazione di beneficenza Sea Watch. Ellis, in uscita l’8 luglio prossimo tramite Eraded Tapes, è la colonna sonora dell’omonimo cortometraggio diretto dall’artista JR e che ha come protagonista proprio l’attore due volte premio Oscar nei panni di un immigrato che arriva nel complesso ormai abbandonato dell’ospedale di Ellis Island di New York, prima tappa per molti migranti provenienti da tutto il mondo all’inizio del secolo scorso.

«L’opportunità di lavorare sul fantastico corto di JR è arrivata grazie al mio amico Woodkid», ha commentato Frahm. «Abbiamo registrato le parti col piano nel mio studio a Berlino, e poi è successo che JR e Woodkid sono stati invitati al Durton studio alla fine dell’estate del 2015. Abbiamo ultimato le parti principali proprio lì, e la musica si è infranta in queste immagini: un’esperienza magnifica. Da allora il film è ancora fisso nella mia mente; mi ha colpito al cuore e cambiato l’anima. Un paio di settimane dopo ho dovuto cancellare un viaggio a Bruxelles a causa di un allarme terrorismo e di conseguenza tutti i miei impegni. Mi sono sentito molto depresso quel giorno, pensando che l’Europa che conoscevo non esisteva più. Mi sono messo a suonare e ho ascoltato la voce di Robert De Niro per il resto della giornata. Il risultato è stato Winter Morning II, B-side di Ellis. Robert parla per 17 minuti in totale. Non stiamo affrontando la crisi dei rifugiati. Stiamo affrontando una crisi proprio perché non li stiamo accogliendo, non simpatizziamo con loro e non possiamo arrenderci alla paura. L’arte può essere d’aiuto, così spero che questo progetto aiuterà a sconfiggere la paura che è in ognuno di noi».

Di seguito è possibile visualizzare il trailer di Ellis e ascoltarne un estratto tramite Soundcloud. L’ultimo EP di Nils Frahm, Solo – Remains, è stato recensito su queste pagine da Luca Roncoroni, mentre la recensione di The Golden Age, di Woodkid, è di Riccardo Zagaglia.

05JR-TNY-Festival-690

Tracklist