Nos Primavera Sound 2014: numeri e prime impressioni

A pochissimi giorni dalla chiusura della terza edizione del Nos Primavera Sound, un primissimo bilancio della manifestazione

A pochi giorni dalla chiusura della terza edizione del Nos Primavera Sound arriva puntuale il comunicato ufficiale che sintetizza e racconta di una crescita importante, per il gemello lusitano del celebre festival catalano. Partiamo dalle cifre: 70.000 presenze diluite in tre giorni e provenienti da oltre 40 nazioni, affluenze che consolidano il successo dell’anno scorso e, si legge nel comunicato, “avvalorano l’obiettivo di continuare ad essere un punto di riferimento per la musica alternativa in Europa”.

In un’edizione impreziosita dalla varietà di stili presente nella line up si sono contraddistinti il rapper americano Kendrick Lamar e la leggenda brasiliana Caetano Veloso, headliner della prima serata, senza dimenticare il grande ritorno in terra lusitana degli Slowdive e dei Pixies e il post rock di Godspeed You! Black Emperor e Mogwai. Ma ci sono stati anche altri grandi momenti al NOS Primavera Sound: i Television che hanno rivisitato per intero il loro emblematico Marquee Moon, il tour de force delle californiane Haim, l’elettronica del duo Darkside ed il pop sperimentale delle Warpaint hanno fatto la gioia del pubblico presente al Parque da Cidade. L’ultima giornata poi, quella di sabato scorso, è stata segnata dalla performance degli americani The National, dall’atteso ritorno sulle scene della band di culto Neutral Milk Hotel, dall’irresistibile soul di Charles Bradley, dall’inconfondibile carisma di St. Vincent e al post-rock degli Slint.

NOS Primavera Sound si è fatto sentire anche fuori dal Parque da Cidade. Per accogliere il pubblico e presentare l’evento, la città ha aperto le sue porte con Primavera nas Virtudes, con le band portoghesi Sopa de Pedra e Dead Combo. Casa da Música e Hard Music Club si sono anch’essi associati al festival con l’inedito pre-party e l’ormai abituale afterhour, una programmazione complementare che rende NOS Primavera Sound un evento della città di Porto, riempiendone le strade, gli alberghi, i ristoranti e i negozi con una settimana di eccezionale multiculturalismo.

La prossima edizione,  sarà quindi il naturale passo successivo nella traiettoria di un festival che quest’anno ha cambiato nome senza cambiare scopo, rendendo ancora più stretta la redditizia e fortunata connessione tra NOS e la città di Porto.

Tracklist