Noel e Liam Gallagher degli Oasis

Oasis: Noel Gallagher inciderà un album di vecchi brani inediti della band senza il fratello Liam

Oasis, in arrivo una raccolta di lost track ri-registrate dal solo Noel.

Il 2021 sarà l’anno degli Oasis? Per ora, la notizia è che Noel Gallagher pubblicherà un album di canzoni inedite della band senza suo fratello Liam. Si tratta di una raccolta che – ha rivelato in un’intervista riportata dal Sun il fondatore ed ex chitarrista del gruppo di Manchester – raccoglierà alcune tracce realizzate dal combo e mai pubblicate su nessun disco; ciò ne farà il primo lavoro a nome Oasis composto da materiale inedito dai tempi di Dig Out Your Soul (2008).

Le canzoni saranno registrate nuovamente ma non si sa ancora quando vedranno la luce. «Saranno 14 – ha affermato Noel alla testata britannica – e si tratta di materiale inedito realizzato, ma mai utilizzato, per i vari album usciti nel corso degli anni. Ascoltavo i pezzi e mi dicevo: “Questo suona bene, quest’altro lo rifarei in modo differente”. Comunque è roba piuttosto vecchio stile, l’ho trovata molto interessante».

Noel ha anche spiegato come è venuta fuori l’idea di riprendere in considerazione le vecchie bozze. «Il dono che mi è stato fatto – ha spiegato – non è scrivere gli accordi ma tenere tutto a mente anche dopo anni. Se suono una canzone una volta e funziona, quella resta lì per sempre anche se poi non la uso; e magari nel tempo me ne dimenticherò, ma anni dopo potrei ritrovarmi a suonare qualcosa e dire: “Dai, così! È questa la cazzo di melodia che avevo in mente all’epoca”. Questo è il dono, non il songwriting. Se il materiale è buono, prima o poi ritorna».

E chissà se prima o poi saranno gli Oasis a ritornare. Quest’anno si è aperto con un tweet di auguri di Liam indirizzato al fratello maggiore e contenente l’ennesimo tentativo di riavvicinamento. Del resto, se per un comeback della formazione che ha marchiato gli anni ’90 del britpop diamo per scontato che le agenzie di live promoting siano disposte a pagare cifre mai dichiarate ma esorbitanti, dall’altra per il rinfrancato Liam cantare i pezzi della band da solista (vedi il recente live streaming dal Tamigi) non sarà mai la stessa cosa che suonarli accanto a Noel, soprattutto perché davanti ai due fratelli ci sarebbe una folla quadruplicata rispetto alle rispettive live audience. Il frontman degli High Flying Birds non si è dimostrato altrettanto per la quale negli ultimi mesi, ma è pur vero che a Natale dello scorso anno si era finalmente mostrato possibilista, affermando che «la riconciliazione è sempre una cosa buona» e che una reunion «potrebbe accadere» (e certo che potrebbe) ma alla base avrebbero dovuto esserci delle …circostanze straordinarie.

Per il resto, ricordiamo che nel 2020 What’s The Story Morning Glory (recensione su SA scritta da Hamilton Santià.) ha compiuto 25 anni con relativi festeggiamenti, e il suo singolo più fortunato, Wonderwall, ha superato un miliardo di ascolti su Spotify. Inoltre è uscito l’inedito della band Don’t Stop, ed entrambi i fratelli oltre a non polemizzarci sopra hanno in seguito rispolverato i ricordi condivisi che li legano al compianto Maradona, «la fottuta rockstar del calcio».

Tracklist