Roger Waters ricorda Ennio Morricone: “La sua melodia mi seguirà per il resto dei miei giorni”

Dopo i tanti tributi degli artisti internazionali (tra i quali Massive Attack, Vangelis, New Order) e le parole più recenti di Morrissey, tocca anche a Roger Waters ricordare l'importanza fondamentale del maestro Ennio Morricone

Dopo i tanti tributi da parte di artisti internazionali (tra i quali Massive Attack, Vangelis, New Order) e le parole più recenti di Morrissey, tocca anche a Roger Waters ricordare l’importanza fondamentale del maestro Ennio Morricone, scomparso nella notte tra il 5 e il 6 luglio scorso.

L’ex-Pink Floyd, dopo aver menzionato la collaborazione che i due ebbero in occasione della colonna sonora de La leggenda del pianista sull’oceano di Giuseppe Tornatore, nello specifico per il brano Lost Boys Calling, ha commentato in questo modo la perdita del compositore italiano: «La melodia del Maestro Morricone mi seguirà come un fantasma per il resto dei miei giorni. Le luci dei riflettori si affievoliscono e i ragazzi si congedano. Le note finali giacciono mute sulla sabbia e nel silenzio della tomba. Riesco ancora a sentire quei ragazzi sperduti che chiamano. Con affetto, Roger».

Ricordiamo che poche settimane fa Roger Waters e la sua live band hanno condiviso una versione da remoto catturata via Zoom di Two Suns in the Sunset, brano posto in chiusura di The Final Cut. Ricordiamo anche che Roger Waters: Us + Them, il film dedicato all’acclamato tour 2017-2018 (di cui potete inoltre leggere la recensione su queste pagine), è disponibile per l’acquisto e il noleggio digitale. Sempre su SA trovate la recensione del suo ultimo album, Is This The Life We Really Want?, oltre a quelle della discografia dei Pink Floyd.

Tracklist