Sculture di suono al MUSMA di Matera

Sabato 28 agosto 2010, dalle ore 22.00 alle ore 24.00 apertura straordinaria del MUSMA (Museo della Scultura Contemporanea – Matera): per l'occasione, Francesco Dillon (violoncello, elettronica) e Fabio Orsi (elettronica), si esibiranno in quello che promette di essere molto più che un semplice concerto ospitato in un museo.

Data l'eccezionale conformazione degli spazi espositivi del MUSMA, e per le caratteristiche estetico-percettive della musica proposta, si assisterà, infatti, a un vero e proprio esempio di “scultura sonora” che si confronta con la “scultura plastica” della prestigiosa collezione del MUSMA. Un'opera di sound-art colta a dialogare con esempi di arte visiva tradizionale; una forma di arte temporale – e in quanto tale immateriale – esposta, per una sera, al fianco di manufatti tangibili: suono che, facendosi spazio, diviene oggetto tra gli oggetti.

La serata si articola in tre differenti momenti che sottostanno a una logica di (ricercata) dislocazione spaziale, oltre che concettuale. Una prima esibizione di violoncello solo di Francesco Dillon spazierà dalla contemporaneità più coraggiosa (in scaletta brani di Jonathan Harvey, Juste Janulyte, Michel Van Der Aa, tutti compositori ancora nel pieno delle proprie forze creative), alla riproposta di classici bachiani (Cello Suite n.1).

Seguirà la suggestiva performace multimediale (audio-visiva) di Fabio Orsi, artista che il lettori di SA conoscono bene. A conclusione della serata, i due musicisti si cimenteranno in una forma di improvvisazione momentanea (instant-composition) regolata anche da fattori contingenti e casuali come il feedback del pubblico, le condizioni climatiche, le interazioni tra luce e suono.

Tracklist