Sean Connery, foto PA Media

Sean Connery. L’attore scozzese protagonista di numerosi film di James Bond è morto all’età di 90 anni

L'attore è morto nel sonno nella sua residenza alle Bahamas all'età di 90 anni

Sean Connery, l’iconico protagonista dei primi sette film di James Bond, il Guglielmo da Baskerville de Il Nome Della Rosa, il premio Oscar de Gli Intoccabili, il padre di Indiana Jones nell’indimenticabile L’ultima crociata, è morto nel sonno alle Bahamas all’età di 90 anni. A comunicarlo è il figlio dell’attore – riporta la BBC – che afferma che il padre è scomparso dopo un periodo di tempo in cui «non stava bene». «È un triste giorno per tutti coloro che lo conoscevano e lo amavano – continua – e una grande perdita per tutti coloro che ne hanno apprezzato il talento come attore».

Connery, che lo scorso agosto aveva festeggiato 90 anni, si era ritirato dalla recitazione a metà anni zero. L’ultimo film in cui ha preso parte è La leggenda degli uomini straordinari, lungometraggio che seguiva a tre anni il più noto Scoprendo Forrester di Gus Van Sant. Nel 2005 ha vestito per l’ultima volta i panni di James Bond, prestando voce e fattezze al personaggio nel videogioco Dalla Russia con amore, tratto dall’omonimo film.

Tra i primi a commemorare la morte dell’attore, Nicola Sturgeon, primo ministro scozzese, che ha dichiarato: «Aver saputo della morte di Sir Sean Connery mi ha spezzato il cuore. La nostra nazione piange uno dei suoi più amati figli». Connery, oltre che per la leggendaria carriera come attore, è noto per il suo supporto di lungo corso alla causa dell’indipendenza scozzese. Nel 2014 dichiarava che avrebbe lasciato la sua residenza alle Bahamas per tornare a vivere nel suo Paese se la Scozia si fosse resa indipendente dal Regno Unito.

Di seguito un’intervista con Michael Parkinson del 2003 e un best of dei suoi momenti migliori in Indiana Jones e L’ultima crociata.

Tracklist