Stregoni: Johnny Mox e Above the Tree raccontano storie e suoni dei migranti

In collaborazione con il Centro informativo per l’immigrazione della Provincia Autonoma di TrentoJohnny Mox e Above the Tree lanciano il progetto Stregoni: una serie di concerti-workshop all’interno dei centri profughi con l’obiettivo di testimoniare e raccontare quello che accade “non in mare, non ai confini del deserto, ma nelle nostre città“.

Electro-tribalismo, hip hop, psichedelia, afro e gospel si fonderanno con la musica che risuona nelle cuffie dei migranti respinti alla frontiera o da loro stessi suonata. Sul palco, assieme a Mox e Above the Tree, ci saranno, infatti, di volta in volta, musicisti di ogni estrazione e provenienza, in un vero e proprio happening/melting pot.

23 novembre 2015 di Gabriele Marino
Leggi tutto
Precedente
La netlabel romana selvaelettrica.com festeggia 10 anni di attività La netlabel romana selvaelettrica.com festeggia 10 anni di attività
Successivo
Transmissions VIII. Una mini intervista al direttore artistico del festival, Nico Vascellari Transmissions VIII. Una mini intervista al direttore artistico del festival, Nico Vascellari

recensione

artista

recensione

recensione

recensione

artista

artista

recensione

album

Altre notizie suggerite