Terry Gilliam (Foto di Alessandro Imbriaco per Rolling Stone)

Terry Gilliam, 80 anni e non sentirli: “Per il mio compleanno ho chiesto dei funghetti allucinogeni”

Il regista ha dichiarato che il suo sogno sarebbe quello di girare un film in Italia e che il progetto di Kubrick è stato accantonato.

In occasione del suo 80° compleanno celebrato ieri, Terry Gilliam ha concesso un’intervista a La Repubblica nella quale ha svelato un’insolita richiesta come regalo ma anche i suoi futuri progetti dietro la macchina da presa.

Per il mio stupido compleanno ho chiesto solo una cosa: dei funghetti allucinogeni. Non li ho mai provati. L’idea era quella di caricare tutta la mia famiglia su un aereo e andare a festeggiare nella casa che ho in Umbria. Al momento non si può fare, ma posso volare quando voglio in Italia… con l’aiuto dei funghetti.

Il regista di Brazil e La leggenda del re pescatore ha ribadito di non aver mai assunto acidi e di esserne sempre stato spaventato, specialmente quando questi erano così di moda negli anni Sessanta.

Praticamente li prendevano tutti. Io fumai marijuana una volta al college e non mi piacque. L’LSD mi terrorizzava. Quando mi trasferii a Londra e dovevo viaggiare fino a Hollywood per lavoro, arrivavo con un tremendo jet-lag, e alle feste qualcuno mi offriva della cocaina, perché erano gli anni Ottanta e la cocaina era ovunque, e un paio di volte accettai. Ero stanco, non riuscivo a tenermi in piedi. Ma i postumi furono orribili e così mi sono detto: mai più.

Di recente si era parlato di un vecchio progetto di Stanley Kubrick come prossimo film di Gilliam, ma il regista ha confermato che quel progetto è morto a causa della pandemia e che il suo sogno sarebbe quello di girare un film in Italia.

No, è praticamente morto. Penso che il virus abbia effettivamente ucciso quel progetto. Non lo so. In realtà sto cercando di decidere cosa voglio fare. Ho alcuni vecchi ottimi script. Ma quel che vorrei davvero è girare un film in Italia, ormai è il mio luogo dell’anima. Se conosce produttori con finanziamenti e ottime sceneggiature eccomi, sono qui, disponibile. Leggerò tutto. Vorrei moltissimo lavorare con tecnici e artisti italiani che adoro. E penso che vorrei fare un altro film prima di morire.

Tracklist