Weekend di pubblicazioni discografiche e streaming. Ascolta gli album Charlotte Gainsbourg, Morrissey, Godflesh e altri ancora

Ultime scintille del 2017 in questo terzo weekend di novembre che è quello di Morrissey e Charlotte Gainsbourg, dei greatest hits ma anche di altre interessanti pubblicazioni di nicchia (Davide Viviani, Godflesh, Organn ecc.)

NB: salvo quando diversamente indicato, trovate l’ascolto Spotify di ogni disco citato nella relativa pagina album.

Ultime scintille del 2017 in questo terzo weekend di novembre che, assieme ai prossimi due, chiuderà la stagione discografica (salvo album a sorpresa). Nel frattempo Rough Trade brucia sul tempo testate giornalistiche e concorrenza e sforna già la sua top100 relativa ai migliori album dell’anno. Dunque il countdown è ufficialmente iniziato, ahinoi ancor prima dello scorso anno, ma grossomodo i giochi sono fatti e la nostra “listona”, ve lo anticipiamo, arriverà circa a metà dicembre assieme a quelle personali dei redattori e dello staff.

Tornando a questo fine settimana ma rimanendo sul tema TOP annuali, a occhio e croce sono due gli album papabili, e parliamo di Morrissey con Low In High School, che a giudicare dai singoli che lo hanno anticipato promette piuttosto bene e Rest di Charlotte Gainsbourg, anticipato a sua volta dalle valide Deadly Valentine e dalla title track, quest’ultima scritta assieme alla metà dei Daft Punk, Guy-Manuel de Homem-Christo. Ipotesi le mie prontamente sconfessate in sede di recensione da Diego Ballani (che dipinge un ottimo ritratto umano e assime musicale del Moz) e Fernando Rennis (che calibra altrettanto efficacemente l’artista francese giunta al suo terzo album).

E sempre a proposito di clima pre-natalizio, di cui vi accennavamo già lo scorso fine settimana, ecco che spuntano gli album di Natale (Everyday Is Christmas di Sia), i greatest hits (Full House dei Madness e Greatest Hits: God’s Favorite Band dei Green Day) …e un nuovo singolo degli U2 (con il feat. di Kendrick Lamar). Meno male che per gente come King Gizzard & the Lizard Wizard e (Thee) Oh Sees ogni mese è buono per pubblicare dischi, e infatti questo WE esce Polygondwanaland, il quarto (sui cinque promessi) lavoro dei primi (in free download e con la curiosa iniziativa “stampatelo da te”) e Memory of a Cut Off Head dei secondi (che ora si chiamano OCS).

In ambito soul, blues & black escono poi Soul Of A Woman, l’album postumo dell’icona Sharon Jones, l’ultimo registrato assieme ai Dap-Kings, If All I Was Was Black, l’album di Mavis Staples scritto e prodotto assieme a Jeff Tweedy, amaro ritratto dell’America trumpiana (recensione di Marco Boscolo), e sempre su temi di attualità e politica, The Architect, il quarto lavoro della soul singer britannica Paloma Faith. Spostandoci sul songwriting statunitense, da citare (it was) because i was in love, ristampa dell’album d’esordio di Sharon Van Etten, Because I Was in Love, mentre per quanto riguarda le ristampe di culto abbiamo CRX – 20th ANNIVERSARY EDITION, nuova edizione dell’omonimo disco dei Casino Royale, originariamente pubblicato nel 1997. Per quanto concerne l’Italia, il WE segna l’uscita di Of Shadows di Fabrizio Cammarata, Yuki O di Angelo Sicurella (musicista e cantante palermitano già voce degli Omosumo) e L’oreficeria di Davide Viviani (un cantautorato raffinato e cesellato dall’ottima produzione artistica di Alessandro “Asso” Stefana, con la collaborazione di Marco Parente alla batteria); quest’ultimi due, tra l’altro, sono stati tra le nostre esclusive streaming della settimana.

In campo elettronico dominano ancora distopie e HD, mutazioni à la Arca e r’n’b alieno con Organn, ovvero l’EP di debutto del producer belga Obsequies sulla Knives di Joe Shakespeare e Kuedo, mentre oppressione e grime tornano sul piatto con The Bug e il suo EP Bad / Get Out The Way. Di bello in uscita c’è anche Afterhouse Volume 1, EP (no spotify) che inaugura l’omonima nuova etichetta fondata da Donato Dozzy incentrata su produzioni house, mentre dalla Hemlock arriva un’altra degna uscita di stampo techno, Unruly di Ploy. Ciò che più conta questo fine settimana è tuttavia l’uscita di Hyperdub: Diggin’ In The Carts, A Collection Of Pioneering Japanese Video Game Music, l’ottima compilation curata da Kode9 che Andrea Murgia in sede di recensione ha definito la No New York della computer music. Non è uscito su Hyperdub, invece, ma sulla Non Plus di Boddika il nuovo EP di Burial Pre Dawn/Indoors che, uscito in formato fisico lo scorso 27 ottobre, è ora disponibile per l’ascolto su Spotify. Da segnalare, sul lato neo krautrock della faccenda elettronica, il terzo – nonché migliore, afferma Marco Boscolo – lavoro dei Bitchin Bajas intitolato Bajas Fresh (no spotify), mentre per quanto riguarda le soundtrack (e paraggi) All Together Again è una collezione di lavori su commissione prodotti dal compositore Peter Broderick negli ultimi anni. E non dimentichiamoci che esce anche Post Self, il ritorno della industrial-metal band Godflesh (no spotify), e The Subversive Nature of Kindness, il secondo album di Thor & Friends, progetto capitanato dall’ex percussionista degli Swans, Thor Harris, che presenta vari ospiti tra cui anche il frontman della band madre, Michael Gira.

Se volete, ci trovate anche su Flipboard. Per una panoramica generale sulle uscite da oggi ai prossimi mesi vi rimandiamo come sempre alla pagina dedicata In Uscita (disponibile anche dal menù di navigazione e in visione solo per utenti desktop). Potete consultare anche gli editoriali relativi alle uscite del 10 novembre, 3 novembre, 27 ottobre, 20 ottobre, 13 ottobre, 6 ottobre, 29 settembre, 22 settembre, 15 settembre, 8 settembre, 1 settembre, 25 agosto, 28 luglio, 21 luglio, 14 luglio, 7 luglio, 30 giugno23 giugno16 giugno9 giugno2 giugno26 maggio19 maggio12 maggio5 maggio28 aprile21 aprile14 aprile7 aprile31 marzo24 marzo17 marzo10 marzo3 marzo24 febbraio17 febbraio10 febbraio27 gennaio e 3 febbraio.

Tracklist