• Ago
    27
    2013

Album

Def Jam Recordings, Mercury Records

Add to Flipboard Magazine.

Se avete gioito quando Dan Reynolds (Imagine Dragons) si è rotto una mano o se i The Royal Concept vi incitano alla violenza, è meglio che stiate alla larga dagli American Authors: i bostoniani sono infatti il più becero punto d’incontro tra boy-band e mainstream pop-rockers folkizzati degli anni Dieci. Come se gli One Direction di Story of My Life non avessero ulteriormente abbassato la credibilità di certe sonorità, negli ultimi anni già ampiamente sradicate dalla propria natura, la band – un tempo chiamata The Blue Pages – capitanata da Zachary Barnett si è armata di chitarre, banjo e sorrisone perbenista e ha dato alla luce un EP di debutto intitolato semplicemente American Authors.

Più conformisti dei Mumford & Sons, gli American Authors sembrano vivere in un mondo baciato dalla speranza e dal plastificato ottimismo. Zachary Barnett infatti ci tiene a farci sapere che “this is gonna be the best day of my life” e che “I’m just a believer That things will get better” nei due brani di punta del cinque tracce, Best Day Of My Life e Believer: il primo a metà strada tra strumentazione tradizionale e “bombastici” cori alla Imagine Dragons, il secondo sotto le spoglie di un antidepressivo che ottiene, però, l’effetto opposto.

La forza d’animo, l’auto-realizzazione e la ricerca della propria strada lontana dal nido dei genitori vengono raccontate in Luck con la solita dose di retorica all’americana, mentre la meno radio-friendly e conclusiva Home ha il merito, grazie al suo essere anonima melodicamente e stilisticamente, di placare un po’ gli animi nella direzione dell’indifferenza, dopo l’astio generato dal Glee-rock della precedente Hit It (“I’m feeling lucky, I’ll bet my hometown, nothing can stop us now“).

In loro difesa c’è da dire che già agli esordi targati The Blue Pages i quattro American Authors si cimentavano in ripugnanti laccate da spot-tv, con la differenza che ora c’è il rischio che possano approdare al grande successo.

15 Novembre 2013
Leggi tutto
Precedente
John Talabot – Dj Kicks John Talabot – Dj Kicks
Successivo
Josephine Foster – I’m A Dreamer Josephine Foster – I’m A Dreamer

album

recensione

recensione

recensione

recensione

album

artista

Altre notizie suggerite