• Set
    01
    2012

Album

RareNoise

Add to Flipboard Magazine.

Smessi i panni del filologo entusiasta e competente visto all’opera in dischi come Asiento e Agemo – entrambe riletture aggiornate del Bitches Brew di Miles Davis -, Bob Belden ritorna con i suoi Animation. Questa volta sono della partita alcuni studenti reclutati dall’Università del Nord Texas – la tromba di Peter Clagett, il basso di Jacob Smith, le tastiere di Roberto Verastegui, la batteria di Matt Young e un'età media di 24 anni -, a dar vita a un Transparent Heart che nelle intenzioni dell’autore vorrebbe rappresentare un omaggio alle tensioni superficiali della New York post 9/11. “Questo non è un disco jazz”, afferma Belden, “ma un disco che ha a che fare con la mia vita a Manhattan” e c’è da credergli, considerato anche il fatto che i contesti metropolitani hanno da sempre ispirato musicisti jazz di ogni epoca (su tutti, il Charles Mingus di Phitecanthropus Erectus).

In questo senso, Belden non fa eccezione, rimanendo da un lato fedele al concept del disco, dall’altro piuttosto originale nell’interpretare il rapporto con la metropoli alla sua maniera. Nella pratica, istituendo una fusion legata a un battere contemporaneo (il suono sincopato e mutevole della batteria ha più di un punto di contatto con la drum’n’bass) ma anche in grado di superare gli stereotipi legati al bollore "confusionario" tipico degli scenari urbani trasposti in musica dai suoi predecessori. In Trasparent Heart rimane, insomma, quel tessuto evocativo/elettrico tipico del Miles Davis dei Seventies (ma anche di quello più legato al cool), a sottolineare l’emotività di un individuo in balìa dell’ambiente, più che il carattere vorticoso del contesto stesso. Testimoni ne sono il funk-free di Urbanoia, la solitudine in sordina di Cry In The Wind, i toni inquietanti di una Seven Towers che ricorda l’11 settembre o una Terra Incognito quasi ambientale che parla della New York meno conosciuta.

Affascinante il risultato finale, ennesima testimonianza di un jazz contemporaneo definitivo e perfettamente a fuoco.

1 Settembre 2012
Leggi tutto
Precedente
How To Dress Well – Total Loss How To Dress Well – Total Loss
Successivo
Alice Russell – Look Around The Corner Alice Russell – Look Around The Corner

album

artista

Altre notizie suggerite