• Gen
    01
    2005

Album

Secretly Canadian

Add to Flipboard Magazine.

Dopo il bagno di notorietà provocato dalla collaborazione con Lou Reed in The Raven e la conseguente riscoperta del fenomenale album d’esordio (datato addirittura ’99), tornano Antony and the Johnsons con un disco che infonde anche prima dell’ascolto – ovvero dalla lettura dei credits – un senso di ammenda per la tardiva consacrazione. Ben quattro infatti gli ospiti “eccellenti”, due giovani alfieri sulla cresta dell’hype (Devendra Banhart e Rufus Wainwright) e due iconosauri come Lou Reed e Boy George, che solo a pronunciarli uno accanto all’altro sembra di chiudere un cerchio. Nel mezzo del quale c’è appunto Antony, la sua teatralità accorata ai limiti del melò, la sua mistica transgender che scompagina le carte e confonde gli appigli. Il suo corpo sempre al centro di una spiritualità che vuole manifestarsi pura, per quanto intensamente consapevole della propria impura, problematica cifra espressiva.

É un bel disco, per quanto non raggiunga il pathos sconvolgente del predecessore, vuoi perché i miracoli accadono di rado vuoi per una precisa scelta poetico/formale, come se i nostri (il nostro) avessero scelto di intraprendere una strategica “normalizzazione”, un contenersi nei ranghi della ballata pianistica con qualche scappatella rappresentata dall’agro errebì Fistful Of Love (storia d’amore violento introdotta dalla voce e grattugiata dalla chitarra ritmica di Reed) e dalla sconcertante coda di Hope There’s Someone (dove la più angelica delle malinconie viene triturata da un pressante conglomerato di piano, organo e voci fantasmatiche). Per il resto, appunto, l’impeto struggente di un’anima alla ricerca di sé (l’ombrosa e vibratile Man is the baby, forse l’unica concessione ad un certo autocompiacimento), caroselli di speranza e rassegnazione (la vibrante For today I am a boy), stille di orgoglio e mestizia (la toccante My lady story, vellutata d’archi e flauto). Eppoi malanimo vertiginoso (la tanto breve quanto splendida What can I do?, dove Antony è solo un lieve controcanto e Wainwright procede caracollando su ritmica obliqua) e nenie che gonfiano il cuore (l’empito rinfrancante di Spiralling, cui Banhart concede una memorabile intro con la sua tipica voce accartocciata).

É insomma come se il lato più scopertamente freak di Antony fosse già stato socialmente metabolizzato, ed il problema si fosse spostato ad un livello meno visibile, più profondo, nel dissidio tra sentire ed essere, nel divenire in una traiettoria confusa, ingovernabile, spiritualmente conflittuale. Per questo, malgrado la sensibile normalizzazione formale, si continua ad avvertire chiaramente l’anomalia di questa voce incantevole e aliena, efebica come riusciva ad esserlo certo Jeff Buckley, cioè ansiosa di sfuggire alla presa e contemporaneamente alla ricerca febbrile di un posto tra le cose del mondo. E’ in questo senso che in Your are my sister sembra di sentir risuonare un vero e proprio passaggio di testimone, col timbro di Boy Gorge mai così rugoso, la voce di uno che ha già speso battaglie sullo stesso identico fronte, scomparso dai riflettori per volontà di non sprecarsi più del troppo già compiuto.

Ed ecco che la conclusiva Bird gehrl, col suo traslucido incedere da soul atrofizzato, con la sua teatralità sfatta, esausta, declinante, sembra l’approdo di tutti i desideri e i timori. L’assoluzione e l’esalazione, il volo. Verso il meritato paradiso.

1 Gennaio 2005
Leggi tutto
Precedente
Pavement – Crooked Rain, Crooked Rain / L.A.’s Desert Origins
Successivo
Mental Overdrive – 083 Mental Overdrive – 083

album

artista

Altre notizie suggerite