• Ott
    01
    2010

Album

Secretly Canadian

Add to Flipboard Magazine.

Sinceramente non mi attendevo molto da Swanlights, quarto lavoro lungo per Antony and The Johnsons. Vuoi per il non trascendentale antipasto Thank You For Your Love EP, e in parte perché era stata annunciata la presenza in scaletta di pezzi già noti, eseguiti più volte live però mai pubblicati. Sospettavo insomma che Hagerty inaugurasse già la pratica del raschiamento del barile, ma gli ascolti hanno fugato ogni timore. Al contrario, c'è da stupirsi che tracce come la sinuosa I'm In Love o la palpitante Christina's Farm abbiano trovato solo adesso la consacrazione fonografica. E' un disco più essenziale dei predecessori, gli arrangiamenti del sempre ottimo Nico Mulhy perseguono una frugalità assieme delicata e incisiva, il pianoforte e gli archi disegnano scenari bucolici senza sbrodolature, sfrondati da una tensione tiepida, senza requie (come in Ghost).

Lo spiritual moderno che da I'm A Bird Now trovava solenne trasfigurazione in The Crying Light, rivela qui un cuore folk le cui radici rimandano alla prima Nico passando dai Dirty Projectors (The Great White Ocean) e che non disdegna di confrontarsi con un camerismo cinematico dagli sviluppi melodici neanche troppo vagamente Morrissey (Salt Silver Oxygen). Forse mai come in questo disco la voce è sembrata tanto vicina, scoperta, carnale. Ad altezza d'uomo. Discorso che vale anche per il contributo di Björk in Fletta (brano risalente alle sessioni di Volta), mentre fa eccezione la title track, dove su un tappeto di riverberi elettrici Antony imbastisce una fosca liturgia psych che scomoda fantasmi John Martyn e Tim Buckley. Resta la sensazione di un artista che ancora sta esplorando i propri limiti e le possibilità, di un individuo che non smette di porsi domande sulla vita e sullo stare al mondo, di un'espressione figlia di questo percorso difficile e meraviglioso. Un procedere tra incertezze, inquietudini, illuminazioni ed estasi. Che gli fanno legittimamente sostenere – e splendidamente cantare: ogni cosa è nuova.

7 Ottobre 2010
Leggi tutto
Precedente
Brainkiller – The Infiltration Brainkiller – The Infiltration
Successivo
Lugano Fell – Slice Repair Lugano Fell – Slice Repair

Altre notizie suggerite