• ago
    05
    2002

Album

Warp Records

Add to Flipboard Magazine.

Con i suoi 20 minuti, Gantz Graf radicalizza gli esperimenti più destrutturati di Confield.

La prima traccia – omonima – è vicina al caos puro, la seconda, Dial, sostenuta da un andamento da tachicardia, continua sul versante free-jazz, mentre i dieci minuti di Cap IV riportano il duo dalle parti di EP7, accompagnando le “grattate” di decine di cupi e stridenti campioni, con un po’ d’echi di voci perse nello spazio e una rilassata aria ambient che funge da faro.

Vi è anche una versione di quest’EP con allegato un DVD, che contiene un video di Gantz Graf curato da Alexander Rutterford, e altri due esperimenti: Bass Cadet (anche traccia dell’EP omonimo) e Second Bad Vilbel. Quest’ultimo faceva già parte di un omonimo video (uno screenshot è finito sulla copertina di Anvil Vapre) realizzato nel 1995, grazie all’aiuto di un amico di Sean, Chris Cunningham (tecnico di computer grafica che ha lavorato anche in Alien3).

Le immagini che gli Autechre hanno in mente sono proprio come uno se le aspetta: collage di figure astratte su più livelli, organiche ma meccaniche, ordinate ma casuali, distanti in alcuni momenti interlacciate in altri.Musicalmente comunque Gantz non è proprio un gran lavoro, diciamocelo.

1 Dicembre 2002
Leggi tutto
Precedente
The New Pornographers – Mass Romantic The New Pornographers – Mass Romantic
Successivo
GoodMorningBoy – Song epitaph outtakes EP GoodMorningBoy – Song epitaph outtakes EP

album

artista

Altre notizie suggerite