• Gen
    01
    2012

Album

50 Weapons

Add to Flipboard Magazine.

Il difficile non è portare su disco il vibe del club, ché una compilation estratta dal proprio dj-set san farla più o meno tutti. La sfida è tradurre quel mondo in una logica da album che ne offra anche un filo intellettuale, aprendo e chiudendo tematiche e contenuti che sappian reggere botta nelle dinamiche d'ascolto. L'anno scorso ci era riuscito tra gli applausi di tutti un altro duo, gli Art Department, costruendo su The Drawing Board l'immagine cerebrale autoconsistente del sound deep al suo stato dell'arte, ed è uno spirito analogo che anima oggi il debutto in full-lenght di Benjamin Damage e Doc Daneeka, due fresche stelle made in UK schizzate alla ribalta in meno di due anni, prima con una manciata di uscite brevi individuali (Antitode e Television per un pronto recupero) e poi con la hit Creeper che l'anno scorso ha fulminato i Modeselektor al punto da programmare subito l'album sulla loro 50 Weapons.

Tech-house, certo, ma flettendosi con generosità alle prerogative del formato listening. Creeper c'è e rappresenta la più convinta delle discese in pista, incedere nervoso, alieno, nocivo, su loop acido instancabile e cassa in quattro che ti accerchia, accompagnata da almeno un altro paio di pezzi in 4/4 pulsanti, Deaf Siren in palpitante assetto deep e Juggernaut su un binario house più devoto. Schivando le aspirazioni UK house/funky di No One e Elipsis Torment, scorre però in parallelo una direzione più morbida, che si rabbonisce a contatto con inconsistenze droniche (Bleach & Penicillin) e atmosfere ambient soffuse: la vocalist Abigail Wyles dà il contributo decisivo in Battleships e Halo, due voli leggerissimi degni della migliore Fever Ray su orizzonti dub e suggestioni per sottrazione. Entrambi i volti son pienamente validi e meriterebbero il dovuto approfondimento, questo forse il fianco scoperto dell'album, che con soli nove brani promette più di quel che mantiene, in termini di ambizioni. Confezione un po' strettina, ma la sostanza c'è tutta.

19 Febbraio 2012
Leggi tutto
Precedente
Sleigh Bells at Terminal 5, 17 febbraio 2012 Sleigh Bells at Terminal 5, 17 febbraio 2012
Successivo
Magnetic Fields – Love At The Bottom Of The Sea Magnetic Fields – Love At The Bottom Of The Sea

Altre notizie suggerite