• Apr
    01
    2016

Album

Warp Records

Add to Flipboard Magazine.

Dalla folktronica degli esordi alle infinite hauntologie condite di wonky beat, il songwriting di Bibio, di correnti e tendenze elettroniche, ne ha passate molte dal suo esordio ad oggi. Il nuovo A Mineral Love si propone come ideale seguito del precedente Silver Wilkinson e, stando alle parole del musicista, pur «senza fare del purismo» e non tanto «cercando rifugio in uno specifico periodo storico o un genere musicale», il disco punta a calare l’ascoltatore in un comune e spontaneo linguaggio musicale per comunicare una serie di temi cari alla canzone novecentesca, come lo struggimento e la speranza, la tragedia e il calore umano. E questa spontaneità Stephen James Wilkinson la trova ancora una volta dalle parti del folk e del pop, macchiandoli di una afroamericanità di lungo corso già esplorata che va dai 70s funk e soul all’house dei 90s (With The Tought Of Us). Non siamo distanti dalle scelte artistiche operate da uno come Toro Y Moi, ma Bibio è pur sempre riconoscibile nel trattare e arrangiare la sua materia, e la buona notizia è che qui sembra farlo con un rinnovato brio. Brio che in A Mineral Love si risolve in un disco di zuccherose stanze della memoria collettiva.

Slegati da rigidi schemi o ingombranti gestioni legate al brand, i brani in scaletta scorrono più fluidi che mai grazie al solito accorto artigianato appena sopra l’asticella del lo-fi che lascia spazio all’interplay degli strumenti (Town & Country, con synth analogici e assoli primi 80s), oltre che ad una scrittura comunque sempre presente. Eppure il grosso dubbio che qui dentro non ci sia nulla che valga la pena di essere vissuto c’è, ed è inutile girarci troppo attorno. Sarebbe eccessivamente severo vedere A Mineral Love come una copia denaturata di un disco che potrebbe scrivere un qualsiasi sessionman di Chicago. Il cuore e l’artigianato di Wilkinson non si discutono, e sicuramente questo è il suo disco più essenziale da qualche tempo a questa parte, tuttavia rimane un grazioso e appartato gioiello (mancato) nella sua discografia.

9 Aprile 2016
Leggi tutto
Precedente
Roberto Zanisi – Bradypus Tridactylus
Successivo
Ray LaMontagne – Ouroboros Ray LaMontagne – Ouroboros

album

recensione

recensione

recensione

recensione

artista

Altre notizie suggerite