• Set
    01
    2009

Album

Silver Arrow

Add to Flipboard Magazine.

I cari Black Crowes. Quasi non ci credi che stanno per spengere le venti candeline di ruspante attività. I problemi, il girare a vuoto, la fiacca dell’ispirazione, ci sono stati e hanno lasciato il segno. Ed è un bene. Perché tutto ciò li ha obbligati a prendere atto, a riflettere. Ad accettarsi. E’ stato allora che sono ripartiti. Fisicamente e logisticamente dallo studio di Levon Helm a Woodstock, dove hanno inspirato spore di magia rock, hanno composto, provato, suonato e ancora suonato.

Infine, durante cinque sabato sera consecutivi, hanno inciso dal vivo venti nuove canzoni di fronte ad un raccolto pubblico di soli fan. Risultato: un disco caldo, turgido e disinvolto. E pure doppio, acquistabile in vinile oppure in cd singolo contenente il codice per scaricare il secondo volume direttamente dal loro sito. Un pezzo via l’altro i fratelli Robinson e compagnia bella ci dicono che non sono loro ad essersi spostati ma è il mondo che non si è fermato mai un momento, la notte insegue sempre il giorno e cosa vogliamo farci?

Nulla, se non suonare col solito piglio tra il torrido e lo strascicato, se possibile ancora più strascicato, cavando calore e ruvidezza da petto, stomaco e cuore, ciondolando tra black e southern come se tra le strade percorribili fosse davvero la più accogliente, non la più breve né la più veloce. Detto questo, i Crowes tentano pure l’azzardo, ma lo fanno divertendosi: con una I Ain’t Hiding che sculetta sulla cassa in quattro, basso pulsante e wah wah come una nipotina screanzata del Rod Stewart danzereccio e dei Rolling Stones di Emotional Rescue. Quindi si concedono digressioni ispirate, come una What Is Home profumata CSN, come l’impasto tra bretagna e oriente di Aimless Peacock, come i Beatles versante McCartney di And The Band Played On.

Il tutto con la flemmatica irriverenza di chi non ha più nulla da perdere, né da dimostrare.

26 Settembre 2009
Leggi tutto
Precedente
Franny Armstrong – The Age Of Stupid Franny Armstrong – The Age Of Stupid
Successivo
Rocksteady: The Roots Of Reggae Rocksteady: The Roots Of Reggae

album

artista

Altre notizie suggerite